Isole Aleutine

Article

February 3, 2023

Le Isole Aleutine (in inglese: Isole Aleutine; derivato dalla parola Chukchi "aliat" che significa isola) sono isole situate nell'Oceano Pacifico settentrionale, a sud-ovest dell'Alaska, sulla punta della penisola dell'Alaska, sulla penisola di Kamchatka in Russia. un arcipelago vulcanico di circa 1930 km di lunghezza. Sebbene la maggior parte di loro appartenga allo stato americano dell'Alaska, le isole Commandorsky più occidentali fanno parte della Russia e fanno parte dell'orogenesi del Pacifico. Come estensione delle montagne dell'Alaska, ci sono molti vulcani alti oltre 2.000 metri e il clima è freddo, umido e nebbioso. Questa zona è una delle tre zone di pesca più grandi del mondo ed è un tesoro di pesci.

Geografia

Le Isole Aleutine sono costituite dalle Isole Fox, dalle Isole Andrianov, dalle Isole Rat, dalle Isole Vicine e dalle Isole Commandorsky. Copre un'area di circa 27.900 km2 e una popolazione di circa 8.000 (1990). È lungo circa 2.000 km. La maggior parte di loro appartiene allo stato americano dell'Alaska. Separa l'Oceano Pacifico dal Mare di Bering con la penisola dell'Alaska. Fa parte delle arcate isole Hwachae che si sviluppano tipicamente nel nord-ovest del Pacifico e fa parte dell'orogenesi del Pacifico. Le aspre montagne si avvicinano alla costa come se fossero a picco, e il mare che circonda l'arcipelago ha forti correnti e scogliere, che gli conferiscono un aspetto generale maschile. Il clima è oceanico e relativamente tollerabile, ma sono frequenti piogge e nebbie. La temperatura media di gennaio è di -2°C e la temperatura media di agosto è di circa 9°C. Da est ci sono le isole Unimac, Analaska, Umnak, Tanaga, Amchitka, Kiska e Aetu e parallela a sud si trova la fossa delle Aleutine. Poiché fa parte della fascia vulcanica e sismica del Pacific Rim, ci sono molti vulcani attivi e morti e non ci sono molti terremoti.

Storia

Nel 1741, la Russia inviò un danese di nome Vitus Bering e un russo di nome Alexei Chirikov in una spedizione. La loro nave si frantumò in una tempesta e Chirikov trovò le isole a est, e Bering trovò le isole a ovest. Successivamente, i cacciatori siberiani appresero dell'abbondanza di animali da pelliccia e arrivarono a Commander Island in gruppi, spostandosi gradualmente verso est, attraversando le isole Aleutine e raggiungendo il continente. La Russia stabilì così una testa di ponte sul continente nordamericano, ma i nativi erano quasi estinti e nel 1867 le isole furono vendute agli Stati Uniti insieme all'Alaska. Le popolazioni indigene sono Aleutine, e il centro delle Isole Aleutine è Dutch Harbor ad Analaska, e c'è una base per la Marina e l'Aeronautica degli Stati Uniti. Durante la seconda guerra mondiale, le forze giapponesi occuparono l'isola di Atu e l'isola di Kiska a ovest, e anche il porto olandese fu attaccato da raid aerei. Ci sono abbondanti risorse marine come foche, halibut, granchi, merluzzi, salmoni e trote al largo, ma lo sviluppo non è molto avanzato.

Isola principale

Isola di Aetu Isola di Unallaska Porto olandese Isola di Kiska

Vedi anche

Terremoto delle Isole Aleutine

Note a piè di pagina

Collegamenti esterni

Wikimedia Commons ha media relativi alle Isole Aleutine.