Mausoleo di Augusto

Article

August 15, 2022

Il Mausoleo di Augusto fu costruito nel 28 aC in Piazza Marte a Roma per fungere da tomba della famiglia Augustus. Ora è devastato da anni di agenti atmosferici e incuria e non è aperto ai turisti. Tuttavia, il sito è ancora imponente e un punto di riferimento nell'area settentrionale di Piazza Marte. A partire dal 2018 sono in corso i lavori di restauro e si dice che sarà completato nel 2019 e aperto al pubblico. Il Mausoleo di Augusto è uno dei primi edifici costruiti da Augusto dopo la sua vittoria nella battaglia di Azio nel 31 a.C. L'edificio era di forma circolare e all'esterno del mausoleo furono piantati cipressi. Al centro del tetto c'era una statua di Augusto. All'ingresso furono eretti a coppie degli obelischi di granito. Ora questi obelischi si trovano rispettivamente sui colli dell'Esquilino e del Quirinale. Quando il mausoleo fu completato, aveva un diametro di 90 metri e un'altezza di 42 metri, compreso il terreno circostante. Nel Mausoleo di Augusto sono sepolte varie figure della dinastia giuliano-claudia. Marcello (genero di Augusto, prima sepolto nel mausoleo), Augusto, Libia (moglie di Augusto), Agrippa, Druso, Germanico, Agripina il Grande (moglie di Germanico), Tiberio, Caligola, Claudio, Britannico (figlio di Claudio), Nerva, ecc. sono sepolti. Nessuno è stato sepolto dai tempi di Nerva. Nel 410, quando Roma fu saccheggiata dai Goti guidati da Alarico, le urne furono saccheggiate, ma la struttura dell'edificio non fu danneggiata. In epoca medioevale sulla tomba della famiglia Colonna fu costruito un castello, fortificato come Castel Sant'Angelo. Dopo una grave sconfitta nella guerra del 1167, la famiglia Colonna fu esiliata e il castello fu smantellato. Di conseguenza, rimane in rovina fino ad oggi. Nel 19° secolo, le rovine furono utilizzate come arena e successivamente come sala per spettacoli. Fu solo negli anni '30 del Novecento che il vicino Altare della Pace fu restaurato e il sito emerse solo come punto di riferimento archeologico. Il restauro del Mausoleo di Augusto rientrava nell'ambizioso progetto di restauro romano perseguito da Benito Mussolini. Questo progetto era stato perseguito per collegare i "giorni gloriosi" dell'Impero Romano con il fascismo italiano. Mussolini era solito confrontare le conquiste di Augusto, dicendo che aveva inaugurato una nuova era in Italia sotto il suo governo.

Riferimenti

Dal Maso, Leonardo B., Roma dei Cesari. Bonechi: Firenze, 1974. Lanciani, Rodolfo, Roma Pagana e Cristiana, 1892. On-line Young, Norwood., P. Barrera (rev.). Roma e la sua storia. JM Dent & Sons Ltd: Londra, 1951 (edizione originale, 1901).

Vedi anche

Risultati di Augusto