Partito Comunista Sovietico

Article

June 27, 2022

Il Partito Comunista dell'Unione Sovietica (in russo: Коммунисти́ческая па́ртия Сове́тского Сою́за, КПСС Komunisticeskaya Partya Sovetskkogo proprietario, il più grande partito marxista marxista-leninista legale nel mondo, il più grande partito marxista legale nel mondo Era un'organizzazione comunista comunista. I bolscevichi, che furono le origini del Partito Comunista Federale della Repubblica Socialista Sovietica, guidarono la rivoluzione nell'ottobre 1917 e fondarono la Repubblica Socialista Federale Sovietica Russa, uno stato socialista. Il Partito Comunista Federale della Repubblica Socialista Sovietica è stato l'unico partito al governo che non ha consentito i partiti di opposizione (partiti di opposizione) per quasi 74 anni dopo l'istituzione della Repubblica Socialista Sovietica Russa. Tuttavia, il Partito Comunista Federale della Repubblica Socialista Sovietica fu bandito dopo un fallito colpo di stato nell'agosto 1991 e, dopo lo scioglimento dell'Unione Sovietica, divenne il predecessore del Partito Comunista dei paesi che formarono le repubbliche dell'URSS insieme a il Partito Comunista della Federazione Russa. L'organo di governo del Partito Comunista dell'Unione Sovietica era un congresso completo del partito che si teneva ogni 1-5 anni, ma c'è stato un periodo in cui non si è tenuto per 13 anni tra il 1939 e il 1952. L'ultima convenzione nazionale è stata la 28a convenzione nazionale, tenutasi per 11 giorni dal 2 luglio 1990. Il congresso ha eletto membri del Comitato Centrale, e tra questi ha eletto membri del Politburo del Partito Comunista dell'Unione Sovietica. Inoltre, sotto il suo ombrello, l'organo «Pravda», come organizzazione giovanile Komsomol, e come organizzazione giovanile Fionere, ecc. Nel frattempo, il numero dei membri del partito nel 1986 ha superato i 19 milioni.

Storia

1889: Partito laburista socialdemocratico russo (in russo: Росси́́йская Социал-демократи́ческая Рабо́чая Па́ртия, РСДРП fondato a Minsk), 1889 1912: il Partito laburista socialdemocratico russo si divide in bolscevichi e menscevichi. Nel 1918, i bolscevichi cambiarono il nome del partito in Partito Comunista Russo (in russo: Росси́йская Коммунисти́ческая Па́ртия (большевико́в), РКП(б)). 1925: cambio del nome del partito in Partito Comunista Federale (bolscevico). (in russo: Всесою́зная Коммунисти́ческая Па́ртия (большевико́в), ВКП(б). 1952: cambio del nome del partito in Partito Comunista dell'Unione Sovietica. 24 agosto 1991: il colpo di stato di agosto fallì. Mikhail Gorbaciov si dimette da leader del partito e annuncia lo scioglimento del Partito Comunista Sovietico.

Successore del Partito Comunista Sovietico

Partito Comunista della Federazione Russa Partito Comunista Ucraino Partito Comunista del Kazakistan Partito Comunista del Kirghizistan Partito comunista della Repubblica di Moldova Partito Comunista Georgiano dell'Unità Partito Comunista Turkmenistan Partito Comunista Armeno Partito Comunista dell'Azerbaigian Partito Comunista Bielorusso

Risultati delle ultime elezioni

Elezioni presidenziali

Elezioni generali

Congresso del Popolo dell'Unione Sovietica