Piazza San Pietro

Article

May 22, 2022

Piazza San Pietro (italiano: Piazza San Pietro) è una piazza costruita proprio di fronte alla Basilica di San Pietro nella Città del Vaticano. La piazza confina con il lato est del quartiere Borgo Lione della città di Roma e può ospitare fino a 300.000 persone. Piazza San Pietro è stata progettata da Gian Lorenzo Bernini. Quando Bernini progettò la Basilica di San Pietro, voleva trasmettere che la Chiesa cattolica abbraccia tutti coloro che la visitano. Con la cupola della Basilica di San Pietro progettata da Michelangelo come testa, raffigura due chiostri semicircolari con le braccia, esprimendo come la Basilica di San Pietro raduna le persone a braccia aperte. La costruzione del Chiostro del Bernini, costituito da 284 colonne toscane e 88 colonne sporgenti dalle mura, ai lati di Piazza San Pietro, iniziò nel 1656 e fu completata nel 1667. Le 140 statue di santi appollaiate su una colonna di marmo alta 16 metri furono scolpite dagli allievi del Bernini.

Storia

L'ampio spazio antistante la Basilica di San Pietro fu ridisegnato tra il 1656 e il 1667 da Gian Lorenzo Bernini per ordine di papa Alessandro VII. Così, la parte centrale della facciata della Basilica e la finestra del Palazzo Vaticano sono state concepite come un piazzale antistante, di dimensioni adeguate, in modo che il maggior numero possibile di persone potesse vedere la benedizione del Papa alla folla. Bernini ha dedicato decenni alla progettazione degli interni di Piazza San Pietro. Alla fine diede ordine allo spazio attraverso il suo famoso colonnato. Il ceppo dorico toscano, la sistemazione più semplice nell'espressione architettonica classica, fu utilizzato per non competere con le facciate reggiane di Carlo Maderno. Ma per adattarsi allo spazio ed evocare una sensazione di stupore, ha usato proporzioni senza precedenti. La fattibilità del sito della piazza era soggetta a molte restrizioni dovute alle strutture esistenti (vedi foto a destra). Man mano che si aggiungevano sempre più annessi al Palazzo Vaticano, esso riempì gradualmente lo spazio sul fronte destro della cattedrale; Gli appartamenti del papa dovevano essere costruiti in modo che non si vedessero. Al centro fu eretto un obelisco e in un angolo della piazza si trovava una fontana in granito realizzata da Carlo Maderno. Bernini fece sembrare la fontana il punto focale di un'ellisse.La fontana del Maderno era circondata da un colonnato disegnato dal Bernini e infine, nel 1675, cinque anni prima della sua morte, fu costruita accanto ad essa un'altra fontana. La forma trapezoidale della piazza, elogiata come teatro barocco di eccellente fattura esaltando l'effetto prospettico ai visitatori che lasciavano la Grande Crociata, fu un grande risultato a causa dei vincoli di cantiere. Un enorme colonnato toscano e una profonda cornice di quattro pilastri formano un ingresso trapezoidale alla cattedrale e la massiccia area ovale antistante. L'asse lungo dell'ellisse, parallelo alle basiliche, interrompe il continuum di avanzamento caratteristico dell'approccio monumentale del barocco. La parte centrale ovale della piazza contrasta con l'ingresso trapezoidale, che, nelle parole del Bernini, circonda il visitatore con 'braccia materne'. A sud lo spazio colonnato era definito e modellato con i Giardini Barberini che si stagliavano all'orizzonte dei cipressi. A nord, il colonnato oscura indistintamente gli edifici del Vaticano; I piani superiori del Palazzo Vaticano si ergono sopra il colonnato. Al centro dell'ellisse c'è un granito rosso.