Belgio

Article

August 15, 2022

Regno del Belgio (francese: Royaume de Belgique [*]; olandese: Koninkrijk België; tedesco: Königreich Belgien; Belgio (tedesco: belgien belga[*]; francese: Belgique Belzik[*]; olandese: belgië belga[*]) è una monarchia costituzionale nell'Europa occidentale. Confina con Paesi Bassi, Francia, Lussemburgo e Germania ed è uno dei tre paesi del Benelux. Le lingue ufficiali sono il tedesco, l'olandese e il francese.

Storia

Indipendente

Il Belgio faceva originariamente parte della parte meridionale dei Paesi Bassi, ma dopo la guerra d'indipendenza olandese (1568-1648), iniziò a prendere una strada diversa quando fu diviso con la parte settentrionale. Nel 1793 la Francia annette il Belgio. Dopo le guerre napoleoniche, il Belgio fu fuso con il Regno settentrionale dei Paesi Bassi, ma l'insoddisfazione tra i valloni iniziò ad accumularsi a causa del governo assolutista e delle differenze religiose tra protestanti e cattolici romani. Nel 1830, quando in Francia ebbe luogo la Rivoluzione di luglio, i Valloni, stimolati da questa rivoluzione, iniziarono una rivoluzione intorno al 5 agosto. I belgi la chiamano Rivoluzione Belga, che considerano il Giorno dell'Indipendenza. La forza di repressione olandese sconfisse brevemente le forze belghe, ma a causa della pressione militare e diplomatica francese, che aveva l'ambizione di annettere il Belgio, i Paesi Bassi e il Belgio firmarono una tregua nel 1831 e firmarono il Trattato di Londra nel 1839, riconoscendo l'indipendenza del Belgio. fare

Colonizzazione

Dopo che il Belgio fu riconosciuto come nazione, creò una Marine Royale (sciolta nel 1865 e ristabilita nel 1917) e incoraggiò la colonizzazione. Nel 1878, sotto Leopoldo II, il Congo fu colonizzato e divenne lo Stato Libero del Congo. Durante il regno di re Leopoldo II, lo Stato Libero del Congo era noto per il suo uso della forza e dello sfruttamento, costando milioni di vite. Questo genocidio si chiama terrore di gomma. Nel 1899, Joseph Conrad, nel suo libro The Core of Darkness, denunciò per la prima volta l'orribile storia del Congo durante il regno di Leopoldo II. Il libro più scioccante mai conosciuto su questo periodo è stato The Phantom of King Leopold: A Tale of Greed, Terror, and Heroism in Colonial Africa di Adam Hotschild del 1999. In questo libro, Hortschild scrive che migliaia di persone morirono di carestia e malattie, insieme a migliaia di congolesi, che furono massacrati per non aver rispettato le quote di produzione stabilite da Leopoldo II per l'avorio e la gomma. Sottolineò anche che, sebbene Leopoldo non avesse mai visitato il Congo, che possedeva privatamente, le risorse che sfruttava dal Congo gli consentivano di costruire palazzi, monumenti e musei e di acquistare abiti e ville di lusso per la sua giovane figlia. Afferma che 10 milioni di congolesi sono stati massacrati durante questo periodo, ma questo è controverso. Da allora, quando è diventato noto il governo di Leopold nello Stato Libero del Congo, le voci di condanna non solo nella comunità internazionale ma anche nel suo paese d'origine sono aumentate. Dopo la prima guerra mondiale, il Belgio occupò il Ruanda e il Burundi, creando il Luanda-Urundi belga. Nel frattempo, il nazionalismo degli hutu e dei tutsi formatosi in Ruanda e Burundi durante questo periodo ha scatenato la guerra civile in Ruanda negli anni '90. Il Congo belga divenne indipendente come Repubblica Democratica del Congo il 30 giugno 1960 e il Luanda-Urundi belga divenne Ruanda il 1 luglio 1962.