Martin Van Buren

Article

February 8, 2023

Martin Van Buren (vero nome Maarten Van Buren; 5 dicembre 1782 - 24 luglio 1862) è stato l'ottavo presidente degli Stati Uniti (1837-41). In precedenza, ha ricoperto il ruolo di 8° Vice Presidente e 10° Segretario di Stato. È un promotore chiave del Partito Democratico e, insieme ad Andrew Jackson di origine irlandese, è stato il secondo presidente non britannico, il primo olandese e il primo presidente degli Stati Uniti di New York. La sua prima lingua era l'olandese, non l'inglese. Fu afflitto da problemi economici durante il suo mandato, iniziato con il panico del 1837. Durante le guerre di Arustuk e l'incidente di Caroline, le tensioni tra la Gran Bretagna e il Canada coloniale aumentarono. Nonostante il suo fallimento, Van Buren fu costretto a dimettersi dalla carica di presidente quattro anni dopo. Il risultato delle elezioni è stato limitato, ma il collegio elettorale ha perso il voto elettorale e William Henry Harrison è stato eletto presidente. Era passivamente attratto dall'atmosfera di confronto tra il nord e il sud sulla schiavitù. Nel 1848 Van Buren si candidò alla presidenza del Free Lands Party. Martin Van Buren è uno dei due esperti Segretario di Stato, Vice Presidente e Presidente, l'altro è Thomas Jefferson.

Vita in anticipo

Nato nella comunità olandese di Kinderhoek, New York, terzo di cinque figli di Abraham e Maria Van Buren. Sua madre, Maria Hoys, era la vedova di Johannes van Allen e aveva tre figli dal loro primo matrimonio. Suo padre, Abraham Van Buren, gestiva un pub e un orto per la vendita al mercato. Il giovane Martin Van Buren ha frequentato una scuola del villaggio ea 14 anni ha studiato giurisprudenza con il procuratore distrettuale Francis Sylvester. All'età di 15 anni, ha assistito per la prima volta a processi giudiziari. Nel 1801 Van Buren si trasferì a New York per continuare i suoi studi. Fu portato in tribunale nel 1803 e aprì uno studio legale nella sua città natale con il fratellastro James Van Allen. Nel 1807 sposò la sua lontana cugina e fidanzata d'infanzia Hannah Hoyce (1783–1819). Hannah morì 18 anni prima che suo marito diventasse presidente. Ebbero quattro figli, il maggiore, Abraham, che servì come segretario della Casa Bianca di suo padre e in seguito divenne consigliere del generale Zachary Taylor durante la guerra messicana. In secondo luogo, John divenne il procuratore generale di New York.

Carriera politica

I consigli di Thomas Jefferson e l'entusiasmo di Van Buren lo portarono ad entrare in politica come repubblicano democratico. Nel 1812 fu eletto al Senato di New York e, prima della rielezione quattro anni dopo, fu nominato procuratore generale di New York. In quella posizione, Van Buren ha contribuito a formare il primo organismo politico moderno a fare del bene ai cittadini che tornano a votare. Il suo apparato divenne noto come Albany Regent.

Senato degli Stati Uniti

La scissione del Partito Repubblicano Democratico a New York nel 1820 diede a Van Buren l'opportunità di esercitare il suo nuovo potere politico. Il governatore De Wit Clinton ha cercato di inserire John C. Carpenter nel Senato degli Stati Uniti in un'elezione speciale. Van Buren si ribellò contro Clinton e riuscì con successo l'elezione del federalista indipendente Rufus King. Un anno dopo, quando gli altri seggi del Senato erano vacanti, lo status di Van Buren aumentò affinché il legislatore lo eleggesse. Il 3 dicembre 1821 fu insediato in Senato. Divenne un capo contro il grande male sociale dell'epoca, la reclusione per debiti. Nel 1828, il Congresso approvò una legge che aboliva il bullismo. Van Buren ha anche lavorato per fermare l'espansione della tratta degli schiavi. lui è della florida