Lussemburgo

Article

August 10, 2022

Il Granducato del Lussemburgo (lussemburghese: Groussherzogtum Lëtzebuerg; tedesco: Großherzogtum Luxemburg, abbreviato in Lussemburgo (lussemburghese: Lëtzebuerg, tedesco: Lussemburgo Lussemburgo[*], francese: Lussemburgo Lussemburgo[*]) è uno stato dell'Europa occidentale e un Granducato governato da un Granduca. La capitale è Lussemburgo. Il Lussemburgo ha anche uno dei redditi pro capite più alti al mondo. ArcelorMittal, il più grande produttore di acciaio al mondo, ha sede in Lussemburgo. È un membro fondatore dell'Unione Europea, dell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, delle Nazioni Unite, dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico e dell'Unione Economica del Benelux. Nel 2013 è stato eletto per la prima volta nella storia al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, terminando il suo mandato nel 2014. A partire dal 2016, i titolari di passaporto lussemburghese possono viaggiare in 187 paesi senza visto o visto all'arrivo, classificandosi al 15 ° posto nel mondo.

Storia del Lussemburgo

Nel 963 Sigfrido, conte delle Ardenne, prese il controllo del castello del Lussemburgo come base e iniziò a governare la regione. Intorno al 1060, il pronipote di Sigfrido, Konrad, fu il primo a chiamare il conte di Lussemburgo. Ai tempi del pronipote di Corrado, Hermesinde, il territorio triplicava e la provincia vallona veniva annessa. Nel 1308 Enrico VII, pronipote di Hermesinde, fu nominato imperatore del Sacro Romano Impero. Nel 1354, l'imperatore Carlo IV, nipote di Enrico VII, elevò il Lussemburgo a principato. 1443 Filippo II di Borgogna acquista il Lussemburgo. Nel 1477, il successore di Carlo VII, Marie, sposò Massimiliano I, lasciando il Lussemburgo agli Asburgo. Nel 1556 divenne dominio degli Asburgo spagnoli. Con il Trattato dei Pirenei del 1659, i territori meridionali furono ceduti alla Francia. Fu annessa alla Francia nel 1684. Fu restituito alla Spagna dal Trattato di Ricebikes nel 1697. Nel 1714 entrò a far parte dell'Austria con il Trattato di Rastadt-Baden. Nel 1794 passò sotto il dominio francese. Fu elevato a Ducato di Granducato dal Congresso di Vienna del 1815, con il titolo di Granducato detenuto anche dal Re dei Paesi Bassi. Nel 1839, metà dei territori occidentali furono ceduti al Belgio dalla Conferenza di Londra. Nel 1842 aderì all'unione doganale guidata dalla Prussia. Il Trattato di Londra del 1867 ritirò i prussiani e assicurò l'indipendenza e la neutralità. Nel 1890, con la morte del re Guglielmo III dei Paesi Bassi, che servì anche come Granduca, Adolfo di Nassau-Weilburg divenne Granduca e l'alleanza fu sciolta.

Politica

Forma politica: monarchia costituzionale Arciduca: Henri Primo Ministro: Gzavier Vettel Costituzione: emanata nell'ottobre 1868 Parlamento: unicamerale, quorum 60, durata di 5 anni Principali partiti politici: Partito popolare sociale cristiano (CSV Chrëschtlech Sozial Vollekspartei), Partito democratico (DP Demokratesch Partei), Partito socialista dei lavoratori del Lussemburgo (LSAP Lëtzebuergesch Sozialistesch Arbechterpartei), Comitato d'azione per la democrazia e una pensione equa (ADR Aktiokratie a Rentegerechtiounskomitee), Partito dei Verdi (Déi Gréng), Partito Comunista del Lussemburgo (KPL).

Geografia

In quanto paese senza sbocco sul mare tra Germania, Francia e Belgio, ha anche un significato come potere cuscinetto tra Germania e Francia.

Divisione amministrativa

La capitale è Lussemburgo. Il Lussemburgo è composto da 3 distretti, 12 province e 116 comuni.

Elenco delle divisioni amministrative

Di seguito è riportato un elenco delle divisioni amministrative del Lussemburgo. Dikirch Gu Clevaux Diekirch Rif