Diego Maradona

Article

August 11, 2022

Diego Armando Maradona (30 ottobre 1960 - 25 novembre 2020) è stato una leggenda del calcio argentino e, insieme a Pelé, è spesso definito il più grande giocatore della storia del calcio. Soprannominato il Golden Boy, ha dominato l'era come un perfetto trequartista e trequartista con visione, capacità di passaggio, controllo di palla, dribbling, abilità di punizione e leadership sul campo. Maradona è stato un grande giocatore in rappresentanza degli anni '80. Tra le giraffe come Michel Platini, Zicou e Marco van Baston, è stato di gran lunga il miglior giocatore. Inoltre, Maradona è stato un grande giocatore di tutti i tempi, con le capacità perfette che meritava, valutato pari o superiore a quelle di Alfredo di Stefano e Pele. Maradona, dopo due brevi carriere da allenatore dopo il ritiro dal servizio attivo, è stato nominato allenatore della nazionale di calcio argentina il 28 ottobre 2008, ma è stato sconfitto dalla Germania 0-4 alla Coppa del Mondo FIFA 2010, che ha messo in luce problemi tattici. risultato, non sono riusciti ad accedere alle semifinali. Tuttavia, la Federcalcio argentina ha cercato di licenziare lo staff tecnico che lavorava sotto Maradona invece di trattenerlo. Tuttavia, Maradona si è ritirato dalla nazionale di calcio argentina il 27 luglio 2010, dicendo che non poteva tradire il suo staff tecnico. Successivamente, è diventato il manager di Al Wasl, ma è stato licenziato per non aver rispettato il periodo di contratto. Il 25 novembre 2020 è morto di infarto all'età di 60 anni.

Vita in anticipo

Diego Armando Maradona, di famiglia povera emigrata dalla provincia di Corrientes, è nato il 30 ottobre 1960 in un ospedale di Lanus, Buenos Aires. È cresciuto a Villa Fiorito, una baraccopoli alla periferia sud di Buenos Aires. Aveva quattro sorelle maggiori e due fratelli minori, el Turco e Lalo, entrambi calciatori professionisti. Suo padre, Diego Maradona "Quitoro" (1927–2015), era di origine Guarani, e sua madre Dalma Salvadora Franco e "Donna Tota" (1930–2011) erano italiani. I genitori di Maradona si trovano nel nord-est di Corrientes. Nato e cresciuti in un villaggio chiamato Esquina, vivevano a soli 200 m l'uno dall'altro sulle rive del fiume Corrientes. Nel 1950 lasciarono l'Esquina e si stabilirono a Buenos Aires. Maradona ha ricevuto in regalo il suo primo pallone da calcio all'età di tre anni e si è subito innamorata del calcio. All'età di otto anni, Maradona è stato notato da uno scout giovanile mentre giocava per l'Estrella Roja, la squadra di calcio locale in cui viveva. Divenne il fulcro dei Los Cebollitas (Cipolline), la squadra giovanile dell'Argentinos Junios di Buenos Aires. Da ragazzo di 12 anni, ha entusiasmato il pubblico con la sua magica gestione della palla durante l'intervallo per una partita in prima squadra. Ha citato il regista brasiliano Ribellino e l'esterno del Manchester United George Best come ispirazioni della sua infanzia.

Esperienza di club

Argentinos e Boca Juniors

Il 20 ottobre 1976, 10 giorni prima del suo compleanno, Maradona fece il suo debutto professionale in una partita d'esordio per gli Argentinos Juniors contro il CA Tayeres. È apparso in campo indossando una maglia numero 16 stampata su di essa, diventando il giocatore più giovane nella storia della Primera Division argentina. Pochi minuti dopo il suo debutto, Maradona è caduta tra le gambe di Juan Domingo Cabrera.