angiosperme

Article

July 3, 2022

Le angiosperme (nomi scientifici: Angiosperme, Magnoliophyta, Angiosperm) sono i nomi di un gruppo importante nella classificazione delle piante. Tra le piante da seme (piante da fiore), quelle in cui gli ovuli sono avvolti nel carpello e alloggiati nell'ovaio per il progresso della specializzazione degli organi riproduttivi generalmente chiamati fiori. È un taxon accoppiato con le gimnosperme. "Angiosperme", "Angiosperme".

Panoramica

Tra le piante da seme, gli ovuli sono avvolti nel carpello e alloggiati nell'ovaio a causa del progresso della specializzazione degli organi riproduttivi generalmente chiamati fiori. Pertanto, si chiama angiosperma. Il carpello cresce e diventa un frutto. Un altro taxon è chiamato gimnosperma, che ha ovuli che non sono avvolti nelle ovaie e sono esposti e non producono frutti. Le angiosperme sembrano provenire da antenati simili alle gimnosperme, avvolte in foglie di macrospore per proteggere gli ovuli, formando pistilli e sigillate ermeticamente. Ciò ha reso impossibile al polline di entrare in contatto diretto con l'ovulo, e il polline ha raggiunto lo stigma del pistillo, estendendo il tubo pollinico da qui all'ovulo.

Classificazione

Poiché la conoscenza della tassonomia delle piante è cambiata, la tassonomia delle piante è stata rivista. I metodi di classificazione convenzionali basati su fenotipi come la morfologia sono approssimativamente suddivisi in diversi tipi e, sebbene non vi sia consenso, quelli tipici sono il nuovo sistema Engler e il sistema Cronquist. Il metodo di classificazione standard prima degli anni '80 era il Sistema Melchior. Poiché questo sistema di classificazione è intuitivo e di facile comprensione, è ancora ampiamente utilizzato nei libri illustrati commerciali. Negli anni '80, il sistema Cronquist (1981, Arthur Cronquist) è emerso ed è diventato lo standard de facto in campo accademico. Quanto sopra è un metodo di classificazione basato sui fenotipi, ma dagli anni '90 è diventata attiva la ricerca sulla classificazione mediante analisi del genoma, che dovrebbe riflettere più direttamente il lignaggio evolutivo, e tra questi è in fase di sviluppo il principale sistema di classificazione delle piante APG per diventare lo standard del futuro. Questo è spesso diverso dal metodo di classificazione convenzionale e ci sono molti casi in cui i reparti convenzionali sono stati smantellati o integrati. Nell'era moderna del 21° secolo, sta diventando lo standard al posto di ciascuno dei suddetti sistemi fenotipici.

Sottoclasse

Nella classificazione convenzionale, le angiosperme sono classificate approssimativamente in piante dicotiledoni (Dicotiledoni) (Dicotiledoni) e piante monocotiledoni (Dicotiledoni) (Lilys) (classificazione secondo il nuovo sistema Engler). Questo è il nome dato al numero di foglie (cotiledoni) che emergono dai semi quando germogliano per la prima volta, ma ci sono altre grandi differenze. Secondo l'idea del sistema di classificazione delle piante APG, emerso con lo sviluppo dell'analisi del genoma dagli anni '90, le piante dicotiledoni primitive si sono differenziate all'inizio dell'evoluzione delle angiosperme, seguite dalle piante monocotiledoni. Il resto forma un gruppo monofiletico di vere dicotiledoni (Eudicot). Pertanto, le piante monocotiledoni possono essere considerate un gruppo coesivo, ma le piante dicotiledoni non sono considerate un gruppo cotiledone (gruppo parafilico).

Famiglia tipica

Le angiosperme tipiche sono elencate di seguito in ordine decrescente di specie. 25.000 specie di Asteraceae (Asterales, bardana, girasole, cardo, lattuga) 18.000 specie di Orchidaceae (Orchidales, vaniglia, Cyrtosia septent e Dendrobium monili) 17.000 specie di legumi (piselli Fabale, gomma arabica, compagno di palissandro) 9.000 specie di Graminacee (Cyperales, riso, bambù, tappeto erboso, famiglia del mais) Rubiacee 7.000 specie (Rubiles)