differenza sessuale

Article

May 22, 2022

La discriminazione di genere si riferisce all'esercizio ingiusto di svantaggi quali l'esclusione o la restrizione sugli altri a causa del loro genere. C'è discriminazione contro le donne e discriminazione contro gli uomini. L'idea che il sessismo sia giustificato si chiama sessismo. L'eliminazione della discriminazione di genere si chiama gender-free.

Contesto storico

Visione della religione

Nel cristianesimo, nel processo di lavoro missionario, la condizione delle donne era relativamente inferiore a quella degli uomini ereditando le idee sociali del tempo nella zona. Il creatore protestante Luther disse anche: "Le ragazze crescono più velocemente dei ragazzi, proprio come le erbacce crescono più velocemente delle piante benefiche". Sono pochi i casi in cui la discriminazione contro le donne è stata alleviata dal cristianesimo. Ad esempio, c'è un esempio di divieto di compravendita di matrimonio (c'è una teoria secondo cui non c'era compravendita di matrimonio in primo luogo). Tuttavia, i rapporti sessuali con gli schiavi non potevano essere vietati perché la chiesa stessa possedeva molti schiavi. Il diritto romano pone restrizioni molto alla proprietà e alla voce dei beni delle donne sposate. Tuttavia, è stato successivamente alleviato dalle missioni cristiane. In altre parole, ha ottenuto determinati diritti di successione e richieste di divorzio. L'adulterio è stato applicato solo alle donne, ma sono stati accusati anche gli uomini. Così, i diritti delle donne sono stati parzialmente liberati, principalmente in relazione al matrimonio. Tuttavia, queste liberazioni si verificarono intensamente nell'alto Medioevo e nella seconda metà del Medioevo la stretta fu piuttosto grave. Nel mondo islamico, c'è una sezione del Corano che afferma che un uomo è più prezioso di una donna e che una donna è proprietà di un uomo. Ad esempio, Ali Ibn Abbey-Tarib, il quarto califfo dell'Islam, lascia spesso parole a Nafju al-Baraga che lodano le donne. La poligamia e la sentenza Hudud, in cui le vittime di stupro sono accusate di adulterio, sono spesso criticate come esempi di discriminazione contro le donne. Ancora oggi, alcuni intellettuali del mondo islamico hanno espresso l'opinione che le donne dovrebbero consentire la poligamia secondo la legge islamica. (Vedi anche "Islam e donne" e "Cultura sessuale nel mondo islamico") Tuttavia, anche nell'Islam premoderno, i diritti delle donne non sono privi di protezione. Nell'Islam le donne possono ereditare la proprietà, anche se la metà degli uomini, ma questa era una difesa dei diritti delle donne rispetto alle condizioni preislamiche. L'infanticidio e il delitto d'onore delle ragazze sono proibiti (indipendentemente dal sistema legale) e la punizione Hudud è negata. Nel buddismo, si sosteneva che una donna non potesse essere le cinque specie di Brahma, Teishakuten, Demon King, Chakravarti e Buddha (teoria dei cinque ostacoli femminili). C'è anche una teoria che "una donna può diventare un buddha trasformandosi in un uomo" (teoria del ragazzo metamorfico). C'è anche un'opinione secondo cui la teoria dei cinque ostacoli delle donne non è la teoria sostenuta da Buddha e non è l'idea originale del buddismo. Anche nella società indù, lo status delle donne è tradizionalmente basso. Ci sono molti articoli nella Manusmriti che considerano le donne inferiori e non per consentire l'indipendenza, ma per essere subordinate agli uomini. Di conseguenza, esistono ancora pratiche disumane come Sati e Dote, anche se proibite dalla legge. Anche nel confucianesimo, una donna