Assemblea Nazionale Costituente

Article

August 16, 2022

L'Assemblea nazionale costituente (in francese: Assemblée nationale constituante) è un'assemblea nazionale formata attorno al terzo stato che ha lasciato il Tribunale nazionale poco prima della Rivoluzione francese a luglio 9, 1789. È il primo parlamento moderno in Francia, che è stato ribattezzato. Detta anche Assemblea Costituente. La Costituzione fu promulgata nel 1791 e le elezioni si tennero basate sulla Costituzione, che fu ripresa dall'Assemblea legislativa il 30 settembre 1791.

Storia

Processo di costituzione

Negli Stati Generali Nazionali, il conflitto tra il terzo status (persone comuni) e il primo e il secondo status (sacerdoti, aristocratici) sul metodo di voto si è approfondito. Pertanto, il Terzo Stato (che essi stessi chiamavano comune) dichiarò la formazione dell'Assemblea nazionale sotto Abe Scheez il 17 giugno 1789. Tuttavia, tranne che il basso clero ha accettato di aderire, non è stato possibile ottenere il sostegno della classe privilegiata e il governo reale ha anche cercato di sopprimere l'Assemblea nazionale. D'altra parte, il potere dell'Assemblea Nazionale non si è arreso e ha preso una posizione completamente contro la guerra attraverso il "Giuramento della Corte di Tennis" il 20 giugno. Preoccupato per il grave conflitto tra l'Assemblea nazionale e il governo reale, il re fu costretto ad approvare l'Assemblea nazionale e molti ecclesiastici e alcuni aristocratici si unirono all'Assemblea nazionale. Successivamente, il resto delle forze si unì all'Assemblea nazionale secondo la raccomandazione del re, e il tumulto fu risolto. Il 9 luglio il nome fu cambiato in Assemblea Nazionale Costituente e furono fatti i preparativi per decretare l'Assemblea Costituente.

Scoppio della Rivoluzione Francese

Scoppiò l'attacco alla Bastiglia del 14 luglio e, quando la rivoluzione si estese alle zone rurali, scoppiarono rivolte contro il signore in vari luoghi. Le rivolte distrussero molti degli aristocratici e del clero privilegiati e distrussero l'Ancien Régime. Questa caotica rivolta armata potrebbe negare il potere dello status privilegiato e persino l'Assemblea nazionale, che ha deciso di porre fine alla situazione. Il decreto annunciato l'11 agosto sanciva l'abolizione del sistema feudale e tranquillizzava la situazione, ma negava solo il controllo personale come la giurisdizione del signore, e non venivano presi provvedimenti come l'abolizione degli affitti. Insieme all'abolizione del sistema feudale, il 26 agosto è stata istituita la Dichiarazione francese dei diritti dell'uomo (correttamente, "Dichiarazione dei diritti dell'uomo e dei cittadini"). Ciò ha completamente negato il quadro convenzionale della divisione sociale e ha confermato i principi della società civile, che consiste in cittadini con diritti umani fondamentali e pari libertà e diritti. Queste decisioni dell'Assemblea nazionale non furono approvate dal governo reale, ma il crollo dell'Ancien Régime aveva già raggiunto i limiti del potere del governo reale e non poteva trovare contromisure. Anche il re Luigi XVI è sotto l'autorità del governo reale della sua regina e del fratello minore, e si può dire che la monarchia assoluta sia finita qui. Emanando questi decreti, l'Assemblea nazionale si è affermata come sovrana dello stato per conto del governo reale. Nella riunione dell'11 settembre sui pro e contro del "veto del re" e "unicamerale/bicamerale", "il veto del re/bicamerale (con la Camera dei Pari)" sul lato destro della sala visto dal sedile del presidente.Il gruppo conservatore/moderato che ha insistito sul lato sinistro è stato il gruppo repubblicano/innovatore che ha insistito sul "nessun veto del re, sistema unicamerale (no casa dei pari)". Da allora, nell'Assemblea legislativa è stato stabilito che la fazione Feuillant, che è una monarchia costituzionale, è dalla parte di destra, e le fazioni radicali (fazione giacobina) come i repubblicani e il secolarismo sono dalla parte di sinistra. Questa è l'origine delle attuali ali sinistra e destra.

Politica economica / religiosa

1789 11.