Tesoro nazionale

Article

February 4, 2023

Un tesoro nazionale è un tesoro nazionale nel primo senso del giapponese. In secondo luogo, si riferisce ai beni culturali tangibili designati dalla legge come aventi un valore culturale storico e accademico estremamente elevato in Giappone sin dai tempi moderni. In particolare, è particolarmente prezioso tra i beni culturali importanti. Si riferisce a edifici, arti e mestieri, ecc. designati come oggetti. * Di seguito, questa sezione spiega il secondo significato. Il tesoro nazionale (secondo significato) è un bene culturale tangibile (importante proprietà culturale) designato dal governo ai sensi della legge per la protezione dei beni culturali del Giappone ed è considerato un tesoro nazionale prezioso e unico dal punto di vista della cultura mondiale È stato designato dal governo nazionale (Ministro dell'Istruzione, della Cultura, dello Sport, della Scienza e della Tecnologia) (Articolo 27, comma 2, della Legge per la Tutela dei Beni Culturali). Sono designati edifici, dipinti, sculture, artigianato, scrittura a mano/libri, documenti antichi, materiali archeologici e materiali storici. Legalmente, un tesoro nazionale è una sorta di importante proprietà culturale. Per la procedura di designazione dei tesori nazionali e dei beni culturali importanti e la storia del sistema di designazione, fare riferimento alla sezione separata "Beni culturali importanti". Il cosiddetto "Tesoro nazionale vivente" è un nome comune per una persona che è stata certificata individualmente come titolare di arti dello spettacolo, artigianato, ecc. designato come importante bene culturale immateriale, ed è diverso dal tesoro nazionale spiegato in questo sezione.

Numero di tesori nazionali

Numero di tesori nazionali designati

Il numero di tesori nazionali designati, compresi quelli designati a settembre 2020 (Reiwa 2), è il seguente. 227 edifici (290 edifici) (fino al 30 settembre 2019 designato) 897 opere d'arte (fino al 30 settembre 2020) (ripartizione sotto) 162 dipinti 140 sculture 254 mestieri 228 scritture e libri 62 vecchi documenti 48 documenti archeologici 3 materiali storici I numeri sopra indicati sono il "numero di casi" specificato, non i "punti". Circa 80.000 oggetti scavati dal sito rituale Okitsumiya di Munakata Taisha, di proprietà di Munakata Taisha, Prefettura di Fukuoka, 69.393 oggetti di Daigoji Documents of Daigoji Temple a Kyoto, conservati dal Kyoto Prefectural Kyoto Studies and History Museum Il numero di documenti con un gran numero di membri, come 24.067 Toji Hyakugo Monjo, viene conteggiato come "1".

Numero di tesori nazionali sconosciuti

Secondo gli ultimi risultati dell'indagine dell'Agenzia per gli affari culturali al marzo 2021 (Reiwa 3), delle 10.524 opere d'arte designate come importanti beni culturali compresi i tesori nazionali a luglio 2014, i singoli proprietari Ci sono stati 142 casi (0 nazionali tesori) che sono risultati sconosciuti a causa di trasferimento, morte, furto in santuari e templi, ecc., e 50 casi (7 tesori nazionali) che hanno richiesto un'ulteriore conferma. Dei 142 casi la cui ubicazione è sconosciuta, 78 casi di artigianato (di cui 72 casi di spade e 5 casi di furto), 23 casi di libri e documenti archeologici (di cui 1 caso di furto), 15 casi di scultura (di cui 12 casi sono stati rubati), 14 dipinti (di cui 6 furti), 10 documenti antichi (di cui 3 furti), e 2 materiali archeologici (di cui 1 furto).Ci sono stati 28 casi di furto, 9 casi di vendita, 2 casi di scioglimento della società , e 25 casi di sconosciuto. Di questi, 97 casi erano sconosciuti prima dell'emanazione della Legge per la Protezione dei Beni Culturali nel 1950, e 45 casi successivamente. L'Agenzia per gli affari culturali ha rilasciato i dettagli di 142 importanti beni culturali la cui ubicazione era sconosciuta a marzo 2021.

"Vecchio Tesoro Nazionale" e "Nuovo Tesoro Nazionale"

Il significato della parola "tesoro nazionale" è diverso prima e dopo l'entrata in vigore della Legge per la Protezione dei Beni Culturali (1950). Nella vecchia legge prima dell'entrata in vigore della Legge per la Protezione dei Beni Culturali, non c'era distinzione tra "patrimonio nazionale" e "bene culturale importante", e tutti i beni culturali tangibili (arti e mestieri ed edifici) designati dal paese erano chiamato "tesoro nazionale". Il concetto di "tesoro nazionale" (tesori nazionali) è stato concepito da Ernest Fenollosa, ma la parola "tesoro nazionale" è stata utilizzata per la prima volta nel 1897 (Meiji 30).