raid aereo di Nagoya

Article

May 21, 2022

Nagoya University Air Raid (Nagoya Daikushu) è un termine generale per i ripetuti raid aerei sulla città di Nagoya da parte dell'esercito americano alla fine della seconda guerra mondiale, o quelli che sono stati effettuati su larga scala, in particolare contro le aree urbane. .. Quest'ultimo si riferisce ai raid aerei del 12 marzo 1945 (Showa 20), quando l'area centrale della città fu danneggiata, il 19 marzo, quando la stazione di Nagoya fu bruciata, o il 14 maggio, quando il castello di Nagoya fu bruciato. La ferrovia è stata bombardata.

Panoramica

Poiché non esiste una definizione chiara, tutti i raid aerei su Nagoya sono spesso indicati collettivamente come grandi raid aerei e i raid aerei nei sobborghi di Nagoya come quelli contro Ichinomiya City e Handa City possono essere inclusi per comodità. I raid aerei che hanno avuto luogo intorno alla fabbrica di Aichi Tokei Denki Funakata e alla fabbrica di Aichi Kokuki Funakata nel quartiere di Atsuta il 9 giugno 1945 sono chiamati raid aerei di Atsuta.

Primi raid aerei su Nagoya

Il 18 aprile 1942, il bombardiere B-25 dell'US Army Air Forces effettuò un raid aereo a Doolittle, e anche Nagoya subì il primo raid aereo di due degli stessi bombardieri, uccidendo otto persone e ferendole.31 persone furono danneggiate. Nel luglio 1944 (Showa 19), l'esercito americano travolse le Isole Marianne come l'isola di Saipan, e questa divenne la base per i successivi raid aerei sul Giappone. Il 13 dicembre dello stesso anno, 90 bombardieri B-29 dell'aeronautica militare degli Stati Uniti hanno prodotto oltre il 40% della produzione di motori aeronautici del Giappone.Il primo raid aereo su vasta scala è stato effettuato (vicino alla fabbrica Mitsubishi Motors No. 4, attuale Nagoya Dome (Vantelin Dome Nagoya) e Daiko Medical Center, Università di Nagoya). A causa del tempo e di altri fattori, la bomba non colpì la fabbrica come previsto e l'esercito americano ripeté incessantemente i bombardamenti fino al 7 aprile 1945 (Showa 20), distruggendo la fabbrica con sette bombardamenti. La bomba che non ha colpito la fabbrica è atterrata sulle case private circostanti, e molti civili sono stati coinvolti e sono morti. Inoltre, il 13 dicembre, allo zoo di Higashiyama nel quartiere di Chikusa, che è stato propagandato come "il miglior zoo d'Oriente", molte bestie sono state macellate per non fuggire dall'allevamento distrutto dai bombardamenti (eliminazione delle bestie in tempo di guerra). ) . Lo zoo di Higashiyama si è rifiutato di massacrare anche dopo che le bestie sono state massacrate in altri zoo, ma è stato massacrato su forte richiesta dell'Associazione di caccia, che ha collaborato con la sicurezza.

Incursioni aeree del 1945 intensificate

Inizialmente, i raid aerei venivano principalmente effettuati con bombardamenti di precisione con bombe convenzionali su fabbriche e impianti industriali legati all'esercito come il porto di Nagoya da bombardamenti strategici ad alta quota durante il giorno, ma i risultati non potevano essere raggiunti a causa del basso tasso di successo. Da quando Curtis Lumei è diventato il comandante del 21° gruppo di bombardamenti nel gennaio 1945, sono iniziati i bombardamenti indiscriminati delle aree urbane con bombe incendiarie, e intorno a marzo sono iniziati molti raid aerei di mezzanotte. Prima dell'alba del 12 marzo, 200 bombardieri B-29 hanno effettuato un raid aereo su larga scala sulla città di Nagoya, colpendo 105.093 persone. Si dice che 519 persone siano state uccise e 734 ferite, 25.734 case danneggiate e il 5% della città incendiata. Intorno alle 2:00 del 19 marzo, 230 bombardieri B-29 hanno effettuato un raid aereo su larga scala sulla città di Nagoya, colpendo 151.332 persone. 826 persone sono state uccise e 2.728 sono rimaste ferite e 39.893 case sono state danneggiate. I centri urbani come Nakamura Ward, Nakamura Ward e Higashi Ward divennero campi bruciati, e si dice che l'aspetto bruciato della stazione di Nagoya a 6 piani, che fu appena completata nel 1937 (Showa 12), poteva essere visto bene da una distanza. Il 14 maggio, un raid aereo di 440 bombardieri B-29 ha bruciato il castello di Nagoya, un antico tesoro nazionale, e danneggiato 21.905 case. 66.585 persone sono state colpite, 338 morti e 783 feriti, ma da allora sono state colpite.