primo ministro

Article

June 26, 2022

Il Primo Ministro (Primo Ministro) è il Primo Ministro del Giappone. È stato nominato un membro della Dieta, che è un civile, e il suo status e la sua autorità sono stabiliti nella Costituzione del Giappone e nella Legge del Gabinetto. La posizione attuale è Fumio Kishida, la 100a generazione (Incumbent: 2021 4 ottobre-). Per i successivi primi ministri, vedere l'elenco dei primi ministri.

Panoramica

Il Presidente del Consiglio è il capo del Gabinetto cui appartiene l'autorità amministrativa (art. 66, comma 1 Cost.), è uno dei capi dei tre poteri, nomina e revoca gli altri Ministri di Stato (art. 68 Cost. ) per conto del Gabinetto, presenta progetti di legge alla Dieta, riferisce sugli affari generali dello Stato e sulle relazioni diplomatiche, dirige e controlla i servizi amministrativi (articolo 72 della Costituzione). Secondo il sistema del gabinetto parlamentare, i membri della Dieta sono nominati da una risoluzione della Dieta (elezione del Primo Ministro / nomina del leader) (Articolo 67 della Costituzione), e in base a ciò, l'Imperatore nomina il Primo Ministro come atto formale dello Stato (art. 6 Cost.). Inoltre, il Primo Ministro deve essere un civile (Articolo 66, comma 2 della Costituzione) e ha la più alta autorità di comando e controllo delle Forze di Autodifesa (Legge sulle Forze di Autodifesa). È anche capo o primo ministro dell'Ufficio di Gabinetto e di diverse altre organizzazioni amministrative, e queste organizzazioni sono sotto la diretta giurisdizione del Primo Ministro. Inoltre, nell'attuale Costituzione del Giappone, non c'è una disposizione che specifichi il capo del Giappone, e c'è un dibattito nella teoria costituzionale su chi sia il capo del Giappone, ma la maggior parte delle teorie conclude un trattato. al diritto di nominare e revocare le missioni diplomatiche, come ex capo è posto il Gabinetto, che generalmente ha l'autorità per gestire le relazioni diplomatiche, o il Primo Ministro, che rappresenta il Gabinetto come capo dell'autorità amministrativa. Nella pratica internazionale, l'imperatore è trattato come capo di stato.

Stato

Capo di Gabinetto

Il Primo Ministro è anche un membro del Gabinetto, ma la Costituzione del Giappone posiziona il Primo Ministro come il "capo" del Gabinetto. Il Primo Ministro è al di sopra degli altri ministri di Stato, guida il Gabinetto e rappresenta il Gabinetto all'esterno. Inoltre, ha l'autorità di dirigere e supervisionare ogni dipartimento amministrativo. Secondo la Costituzione, l'autorità di decidere lo scioglimento della Camera dei Rappresentanti spetta al Consiglio dei Ministri, ma in realtà, l'autorità è il Primo Ministro, che è il capo del Gabinetto. Pertanto, il Primo Ministro ha tenuto una riunione di gabinetto e ha chiesto a tutti i ministri di sciogliere la Camera dei rappresentanti, dicendo: "Questa volta abbiamo deciso di sciogliere la Camera dei rappresentanti e vorremmo chiedere l'approvazione dei ministri di Stato. Sopra, le firme di tutti i ministri di Stato devono essere raccolte nel Consiglio dei Ministri per lo scioglimento della Camera dei Deputati. Tuttavia, l'articolo 68, comma 2, della Costituzione prevede che "il Presidente del Consiglio dei ministri può revocare volontariamente il Ministro di Stato" e il Presidente del Consiglio dei ministri può revocare il Ministro di Stato a sua discrezione in qualsiasi momento e per qualsiasi motivo. Può essere revocato. Pertanto, se il Ministro di Stato rifiuta di firmare una riunione di gabinetto per sciogliere la Camera dei rappresentanti, il Primo Ministro può destituire il ministro e prendere una decisione di gabinetto da parte sua o di un altro ministro. Anche se tutti i ministri si oppongono allo scioglimento, il Primo Ministro può prendere una decisione del gabinetto sullo scioglimento anche se tutti i ministri vengono destituiti o prestano servizio contemporaneamente (un gabinetto). Pertanto, se il Presidente del Consiglio decide di sciogliersi, non c'è modo di impedirlo. Lo scioglimento è effettuato come atto statale dell'imperatore in base all'articolo 7-3 della Costituzione, ma poiché l'imperatore non ha autorità sugli affari nazionali nell'articolo 4.1 della Costituzione, il diritto di sciogliere appartiene al Consiglio dei Ministri. effetto, il Primo Ministro, che è il capo del Gabinetto, ha il diritto di sciogliere. Pertanto, lo scioglimento dell'articolo 7 è interno.