Storia delle Filippine (1946-1965)

Article

May 21, 2022

Questo articolo tratta della storia delle Filippine dall'approvazione dell'indipendenza del 1946 di molte della Terza Repubblica delle Filippine terminata il 17 gennaio 1973 con la ratifica della Costituzione del 1973 fino alla fine dell'amministrazione Diosdad Makapagal. ..

Approvazione indipendente

Gli Stati Uniti hanno approvato l'indipendenza delle Filippine il 4 luglio 1946. In concomitanza con il Philippine Independence Act (ampiamente noto come "Tidings-McDuffy Act"), il 4 luglio 1946 il presidente Harry S. Truman ha emesso la proclamazione n. 2695, approvando ufficialmente l'indipendenza delle Filippine. Lo stesso giorno, i rappresentanti degli Stati Uniti e delle Filippine hanno firmato un "trattato di relazioni generali" tra i due paesi. Il trattato prevedeva l'approvazione dell'indipendenza della Repubblica delle Filippine a partire dal 4 luglio 1946 e l'esclusione della sovranità statunitense sull'arcipelago filippino. Gli Stati Uniti hanno lasciato dozzine di basi militari, comprese alcune basi importanti. Inoltre, l'indipendenza era limitata dalla legge approvata dal Congresso degli Stati Uniti. Ad esempio, il Bell Trade Act prevede caratteristiche che possono includere restrizioni all'importazione dagli Stati Uniti nella clausola filippina che "saranno o potrebbero competere sostanzialmente con i prodotti statunitensi come stabilito in questa clausola". Ha anche chiesto di garantire che i cittadini e le imprese degli Stati Uniti possano estrarre risorse naturali come i minerali e le foreste filippine su un piano di parità. In un'audizione della Commissione finanziaria del Senato, il vice segretario di Stato William Lockhart Clayton ha affermato che la legge "contraddice chiaramente le politiche economiche estere di base del Paese" e "garantisce chiaramente la vera indipendenza delle Filippine". Contraddice la nostra promessa". Il governo filippino aveva poca scelta e non aveva altra scelta che accettare questa clausola per l'indipendenza. Il Congresso minacciò di trattenere il fondo per la ricostruzione del secondo dopoguerra se il Bell Act non fosse stato ratificato. Il Congresso filippino lo accettò il 2 luglio 1946. Dopo l'indipendenza, gli Stati Uniti hanno continuato a controllare le Filippine attraverso agenti segreti della Central Intelligence Agency, come Edward Lansdale. Come affermano storici come Raymond Bonner, Lansdale ha dominato la vita del presidente Ramon Magsaysay, battendo persino quando il leader filippino si è rivolto al manoscritto di uno scrittore di discorsi filippino e anche agenti americani erano in carica.Ha discusso della droga di Elpidio Quirino e dell'assassinio del senatore Chiara Lect. Il noto storico filippino Roland G. Simbulan ha definito la CIA "l'organizzazione segreta delle Filippine dell'imperialismo americano".

Mossa del Giorno dell'Indipendenza

Le Filippine celebrano attualmente il giorno dell'Indipendenza il 12 giugno, anniversario della Dichiarazione di Indipendenza dalla Spagna di Emilio Aguinaldo nel 1898. Questa dichiarazione non è stata approvata dagli Stati Uniti, che hanno acquisito l'arcipelago filippino attraverso il Trattato di Parigi, che ha posto fine alla guerra ispano-americana dopo aver sconfitto la Spagna nella battaglia della baia di Manila nel maggio di quest'anno. Dal 1946 al 1961, le Filippine hanno celebrato il Giorno dell'Indipendenza il 4 luglio. Il 12 maggio 1962, il presidente Makapagal ha emesso il decreto presidenziale n. 28, proclamando il 12 giugno 1962 una festa speciale in tutte le Filippine. Nel 1964, la legge n. 4166 della Repubblica cambiò la data del Giorno dell'Indipendenza dal 4 luglio al 12 giugno e ribattezzò la festa del 4 luglio in Festa della Repubblica.

Amministrazione Rojas (1946-1948)

Quando il parlamento filippino fu convocato nel 1945, un membro eletto nel 1941 si chiamava Manuel Lo, rappresentante del Senato.