Sequestro del potere del partito nazista

Article

May 21, 2022

Nella presa del potere nazista (sequestro nazista, tedesco: Machtergreifung Mahat (Maft) Air Griffing), nella storia tedesca, il Partito nazionalsocialista tedesco dei lavoratori (partito nazista) guidato da Adolf Hitler. Descrive una serie di fatti storici come il processo di presa del potere in Germania, il crollo dell'impero tedesco a causa della sconfitta della prima guerra mondiale e la formazione della Germania nazista (terzo impero) dalle turbolenze del governo repubblicano di Weimal. Il partito nazista ha "legalmente" guadagnato un potere che il precedente governo tedesco e le successive amministrazioni del presidente non potevano ottenere. Questo processo di presa del potere può essere sostanzialmente suddiviso in due periodi. Il periodo da quando il partito nazista divenne uno dei principali partiti politici del paese fino alla creazione del governo Hitler il 30 gennaio 1933, e quando Hitler e il partito nazista salirono al potere quasi spazzarono via gli oppositori politici interni, e il potere legislativo e poteri amministrativi È il periodo in cui il partito, lo stato e Hitler controllano il potere in Germania, compresi i tre poteri giudiziari. Quest'ultimo processo è stato di breve durata nel giro di quasi due anni dall'acquisizione del potere.

Sfondo

Sconfitta della prima guerra mondiale

La Germania durante la Repubblica di Weimar fu ceduta al suo territorio come nazione sconfitta dal Trattato di Versailles, un trattato di pace della prima guerra mondiale. La Germania perse le sue colonie straniere e l'Alsazia-Lorena a causa della guerra franco-prussiana, la Renania fu disarmata e la regione della Saar fu posta sotto il controllo della Società delle Nazioni. Fino a quando il regime nazista non ha riarmato la Renania nel 1936, si è formato un ordine internazionale chiamato regime di Versailles. Inoltre, l'armamento limitato costrinse un gran numero di militari a perdere il lavoro, diventando disoccupati e membri dell'organizzazione armata Freikorps, che divenne causa di instabilità sociale. Stab-in-the-back (Stab-in-the-Legend) circolava tra loro e coloro che erano rimasti nelle forze armate, sostenendo che i comunisti di ispirazione ebraica avevano causato la rivoluzione tedesca e sconfitto l'impero tedesco. Il maresciallo Paul von Hindenburg, che comandava l'esercito tedesco, il generale dell'esercito Erich Ludendorff, che aveva il potere reale durante la guerra, il colonnello Max Powell e il generale von Wrisburg hanno anche testimoniato che la leggenda della pugnalata nel mezzo era vera, e la responsabilità della sconfitta della guerra era ebraica, gente e comunisti dicevano di essere di sinistra. Inoltre, Piotr Shabelsky-Bor, fuggito dall'Ucraina durante la Rivoluzione russa, consegnò il "Protocollo dei Savi di Sion", che descrive la cospirazione internazionale degli ebrei, al teologo Müller von Hausen della Chiesa evangelica tedesca. , Müller pubblicò una traduzione tedesca sotto pseudonimo e vendette 120.000 copie. Müller sosteneva che l'unico modo per risolvere il problema ebraico era bloccare gli ebrei, vietare agli ebrei stranieri di entrare in Germania, vietare le scuole tedesche, nazionalizzare l'industria finanziaria ed essere gestiti da ebrei. negozi, il divieto del nome tedesco, il divieto dei gruppi ebraici, ecc., e in seguito ha proposto e violato l'ordinanza ebraica (Juden Ordnung) come la legge ebraica nazista.Gli ebrei hanno rivendicato la pena di morte. La Lega pantedesca Klaas ha confermato la bozza dell'ordinanza ebraica. Nel frattempo, il Partito Comunista di Germania, sotto il comando dell'Internazionale Comunista, stava espandendo il suo potere con l'obiettivo di un'altra rivoluzione. Inoltre, il parlamento non aveva un partito politico per ottenere una maggioranza stabile fino alla fine e la guida del primo ministro basata sul parlamento era instabile. Ha anche una tradizione prima dell'impero tedesco.