genoma

Article

May 21, 2022

Genome (tedesco: Genom, inglese: genome, Genome) è un vocabolario di derivazione tedesca che significa "l'intera / intera informazione genetica", e come significato / utilizzo più specifico / limitato, è attualmente grande. Ci sono i seguenti Due. Dal punto di vista della genetica classica, il genoma negli organismi diploidi si riferisce all'intero cromosoma o gene contenuto nella cellula germinale, e quindi ci sono due insiemi di genomi nella cellula somatica. Negli organismi monoploidi come gli organismi procarioti, gli organelli e i virus, si riferisce a tutte le informazioni genetiche sul DNA (RNA in alcuni virus e viroidi). Dal punto di vista della biologia molecolare, il genoma è l'informazione genetica su tutti gli acidi nucleici di un determinato organismo, basata sull'idea che tutti gli organismi dovrebbero essere trattati in modo unificato. Tuttavia, nel caso degli eucarioti, i genomi degli organelli (mitocondri, cloroplasti, ecc.) sono trattati in modo indipendente (il genoma umano non include il genoma mitocondriale umano). Il genoma è diviso approssimativamente in una regione codificante che codifica per una proteina e una regione non codificante diversa da quella. All'inizio della decodifica del genoma, era noto che una parte della regione non codificante era coinvolta nella regolazione dell'espressione genica, ecc., Ma la maggior parte di essa era considerata priva di significato ed era anche chiamata DNA spazzatura. A partire dal 2020, è stato chiarito che questa regione contiene una grande quantità di informazioni che i geni dell'RNA sono essenziali per le funzioni biologiche, oltre alla regolazione dell'espressione genica.

Definizione

Nella genetica classica, è definita come "l'informazione genetica essenziale per rendere un organismo un organismo". È una combinazione del gene "gene" e del cromosoma "cromosoma" o gene (gene) + -ome (total (ohm)) genoma (genoma). Nel 1920, un botanico dell'Università di Amburgo, in Germania. Costruito di Hans Winkler. La prima definizione di H. Winkler significava "l'insieme dei cromosomi in un gamete (cellula germinale)", ma nel 1930 Hitoshi Kihara lo definì come "l'insieme minimo di cromosomi essenziali per fare proprio un organismo". Kihara ha proposto questa teoria del genoma basata sull'osservazione della ploidia dei cromosomi del grano. Entrambe le definizioni rappresentano tutti i cromosomi (o le loro informazioni genetiche) contenuti nelle cellule germinali, e si ritiene che esistano N set di genomi nelle cellule somatiche degli organismi N-ploidi. Dalla scoperta del DNA nel 1956, ha anche il significato di "l'intera sequenza di basi del DNA che costituisce tutti i cromosomi".

Analisi del genoma

L'analisi del genoma è un metodo per chiarire la composizione genomica delle specie poliploidi a livello cromosomico. Il grado di omologia genomica viene calcolato incrociando una specie poliploide con la sua specie parentale, osservando la sinapsi cromosomica alla prima meiosi F1 dell'ibrido. Principalmente nelle piante, si può osservare poliploidia in cui tre o più insiemi di genomi, che sono le unità di base del supporto vitale, esistono in una cellula. Nel grano tenero, che era la base della teoria del genoma di Kihara, l'analisi del genoma ha mostrato che due insiemi di tre tipi di genomi sono stati combinati per formare un esaploide.

Analisi della sequenza del genoma e mappatura funzionale

Dagli anni '90 è stato condotto un progetto genoma volto a decodificare l'intera sequenza di basi del genoma per diverse specie (il sequenziamento del genoma è stato completato e la decodifica del contenuto non è stata completata. Pertanto, viene anche chiamato sequenziamento del genoma progetto o un progetto di sequenziamento del genoma, non un "progetto del genoma"). La delucidazione delle informazioni sull'intero genoma si basa su un'analisi completa.