Casablanca

Article

October 4, 2022

Casablanca (in arabo: الدار البيضاء; ad-dār al-bayḍāʼ) è la città più grande del Regno del Marocco. Il nome della città significa "casa bianca" in spagnolo. È il centro commerciale e finanziario del Marocco ed è una delle principali città del mondo in Africa, con l'indice globale delle città pubblicato nel 2019 che la classifica come la 94a città più grande del mondo. I porti sono anche un fattore importante a sostegno dell'economia e il fosfato di roccia è il più grande prodotto di esportazione. Anche la pesca e il pesce in scatola sono popolari.

Panoramica

Si trova a circa 90 chilometri a sud-ovest di Rabat, la capitale del Marocco, e si affaccia a nord sull'Oceano Atlantico. Con una popolazione di 4,15 milioni (2013), è il più grande del Marocco. È un centro commerciale e finanziario del Marocco e una destinazione turistica, ed è visitato da molte persone.

Storia

Origine

Si dice che Casablanca sia iniziata quando gli Amazigh si stabilirono nella zona di Anfa nel X secolo a.C. Il commercio fu effettuato con i Fenici intorno al VII secolo a.C. e con i Romani intorno al V secolo a.C. Nel VII secolo si formò uno stato indipendente incentrato su Anfa, ma nel 1188 fu governato dalla dinastia islamica almohade. Nel 14° secolo, il Sultanato Marinide fece una grande conversione all'Islam. A quel tempo, il porto era molto sviluppato. Nel XV secolo Anfa riacquistò l'indipendenza. Una nave pirata con sede nel porto di Anfa colpì il Portogallo e la Spagna e fu bruciata nel 1468 dai portoghesi arrabbiati.

Casablanca

Nel 1515, la città fu ricostruita dai portoghesi e la chiamò "Casablanca". Significa una casa bianca. Tuttavia, il grande terremoto di Lisbona del 1755 danneggiò gravemente Casablanca e i portoghesi lasciarono Casablanca. Casablanca fu integrata nel Marocco Alawi e dal 1770 Mohammed III ricostruì la città e la fortificò. Dal 18° secolo iniziò il commercio tra la Spagna e le potenze europee che lo notarono nel 19° secolo e si sviluppò principalmente come porto di spedizione per la lana. Anche la popolazione è cresciuta in modo esponenziale, da 600 nel 1830 a 8.000 nel 1868.

Al territorio francese

Tuttavia, l'insoddisfazione dei residenti nei confronti delle potenze europee stava crescendo. Nel 1907, si sviluppò una rivolta quando i residenti uccisero un lavoratore europeo che stava costruendo un porto. Francia e Spagna inviarono navi da guerra per bombardare Casablanca e le truppe francesi occuparono Casablanca. Nel 1912 il Marocco firmò un trattato di protettorato con la Francia e Casablanca divenne un protettorato francese. Il generale Uber Liyote, il primo governatore del Protettorato francese del Marocco, stabilì Casablanca come centro commerciale. Durante la seconda guerra mondiale, la Francia fu occupata dalle truppe tedesche, quindi all'inizio della guerra era sotto il controllo dell'amministrazione filotedesca di Vichy, ma fu occupata dalle truppe alleate a causa dell'invasione delle truppe alleate del Nord Africa ed è tornato alla Francia Libera. La Conferenza di Casablanca si tenne nel 1943.

Dopo l'indipendenza

Il Marocco divenne indipendente dalla Francia nel 1956 dopo la seconda guerra mondiale e la Francia si ritirò da Casablanca. Da allora, Casablanca ha prosperato come la città più grande del Marocco, attirando turisti da tutto il mondo e occupando il centro economico del Marocco.

Trasporto

Ferrovia

Ci sono due grandi stazioni a Casablanca, che sono collegate tramite ferrovia. Stazione Casa Paul Città