Ouroboros

Article

January 29, 2023

Ouroboros (uroboros) è uno degli antichi simboli, che è un serpente o un drago stilizzato che si morde la coda e forma un anello. L'etimo è "greco antico: (δρακων) ουροβóρος" ( Ouroboros), che significa "ingoiare la coda (serpente)". Dopo di che, è anche espresso come "greco: ουροβόρος όφις" (Ufficio Ouroboros), che significa anche "serpente che ingoia la coda".

Significato simbolico

Esistono due tipi di Ouroboros, uno è un tipo in cui un animale mangia se stesso in un cerchio e l'altro è un tipo in cui due animali mangiano in un cerchio. Nel caso dei due tipi, uno ha un aspetto vuoto (alcuni indossano una corona), mentre l'altro ha una corona, un paio di ali e un paio di arti. I serpenti sono considerati simboli di "morte e rinascita" e "immortalità" a causa della loro muta e grande crescita e della loro forte vitalità per resistere alla fame a lungo termine. Il serpente si mangia la coda, dandogli un significato simbolico come perfezione senza inizio né fine. Nelle sfere culturali ellenistiche come Alessandria nella tarda antichità, ha espresso l'idea che la creazione del mondo è tutto e uno, la perfezione e lo spirito del mondo. Nell'alchimia, era usato come simbolo dell'unificazione delle cose in conflitto (yin e yang, ecc.). Carl Gustav Jung simboleggiava l'archetipo dello spirito umano (Psike). Inoltre, circolazione (circolo vizioso/eterno ritorno), permanenza (eternità/moto circolare/morte e rigenerazione/distruzione/creazione), primitività (fonte dell'universo), infinito (immortalità), perfezione (onnipotente e onnipotente) Il significato è ampio ed è stato utilizzato in molte culture e religioni.

Storia

L'immagine di Ouroboros può essere trovata anche in culture come gli Aztechi, l'antica Cina e i nativi americani. In Cina, lo "Zhulong" (Zhulong) fatto di serpentino blu dai resti della civiltà neolitica di Beniyama settentrionale (4700 aC-2900 aC) È stata scavata una reliquia artificiale chiamata (separata da). Ha una testa simile a un maiale e il torso di un serpente, e sembra che abbia la sua coda. La figura originale del serpente (o drago) con la propria coda, che è l'origine di Ouroboros vista oggi, risale all'antica civiltà egizia intorno al 1600 aC. Nella mitologia egizia, Mehen, il dio che protegge il viaggio notturno del dio del sole Ra (Leh), colpisce questo e circonda Ra come Ouroboros per proteggere Ra dall'apep che ostacola il viaggio di Ra. Questo fu trasmesso all'antica Grecia attraverso la Fenicia e ricevette il nome di "Ouroboros" dai filosofi.

Rapporto con la religione

Nella mitologia norrena, appare "Jormungand", che circonda Midgard e dorme con la propria coda. Vedere l'elemento pertinente per i dettagli. Nel cristianesimo e in alcuni gnosticismo, Ouroboros simboleggiava i limiti del mondo materiale. Questo perché la figura a forma di anello crea l'interno e l'esterno, e penso che lì ci sia un confine. Inoltre, era considerato laico nutrirsi del proprio corpo. Nelle chiese Unitarie in Ungheria e Romania, Ouroboros è usato per decorare le creste delle chiese. Secondo l'induismo, il mondo è sostenuto da quattro elefanti, che sono supportati da una tartaruga gigante, circondata da un drago con la propria coda. Civiltà tolteca, culo