Rally del Perù 2022

Article

June 27, 2022

Le proteste in Perù contro l'inflazione e il governo del presidente Pedro Castillo iniziano nel marzo 2022. Le proteste arrivano in mezzo all'aumento dei prezzi dei fertilizzanti e del carburante a causa delle sanzioni occidentali contro la Russia in seguito all'invasione russa dell'Ucraina nel 2022, iniziata nei giorni successivi al fallimento dei tentativi di mettere sotto accusa il presidente Castillo. Alcune delle proteste più grandi sono state organizzate da Geovani Rafael Diez Villegas, leader dell'Unione peruviana dei sindacati di trasporto multimodale (UGTRANM) che in precedenza aveva collaborato alla fine del 2021 con dirigenti aziendali e politici di estrema destra contro il governo di Castillo. Il suo potere è riconosciuto per rivaleggiare con quello del Ministero dei Trasporti e delle Comunicazioni del governo. Diez Villegas chiede l'abolizione delle restrizioni sui passeggeri degli autobus, la grazia per i lavoratori dei trasporti condannati per reati e le trattative per il condono del debito dell'imprenditore dei trasporti nei confronti del governo. Ha quindi organizzato uno sciopero generale volto a paralizzare i trasporti in Perù a partire dal 4 aprile 2022 che ha provocato proteste, carenza di prodotti, interruzioni dei trasporti e rivolte. Il governo Castillo ha risposto alle proteste iniziali sospendendo la tassa sul carburante del 30%, sebbene le compagnie di carburante si siano rifiutate di abbassare i prezzi e hanno protestato. A seguito di disordini diffusi il 4 aprile dopo che UGTRANM ha chiesto uno sciopero generale, il presidente Castillo ha dichiarato lo stato di emergenza di un mese, citando rapporti dell'intelligence su violenze pianificate, e ha imposto il coprifuoco alla capitale Lima, che è stata successivamente ritirata. Il 5 aprile sono scoppiati disordini a livello nazionale, con migliaia di persone che hanno manifestato a Lima e hanno tentato di assaltare il Palazzo Legislativo durante l'incontro di Castillo con il Congresso. Inoltre, è stato saccheggiato anche l'ufficio della Corte suprema. Il 7 aprile Castillo ha incontrato vari leader della protesta per trovare una soluzione alla situazione, mentre quel giorno il Congresso ha votato una mozione che chiedeva le dimissioni di Castillo, con 61 favorevoli, 43 contrari e 1 astensione. Sfondo

Pandemia COVID-19 in Perù

A causa della stagnazione economica durante la pandemia di COVID-19 in Perù, nel 2020 tra il dieci e il venti per cento dei peruviani scende al di sotto della soglia di povertà, invertendo un decennio di riduzione della povertà nel paese e determinando un tasso di povertà del 30,1% quell'anno . Secondo l'Istituto di Economia e Sviluppo delle Imprese (IEDEP) della Camera di Commercio di Lima, la classe media del paese si è quasi dimezzata dal 43,6% nel 2019 al 24% nel 2020 a causa della crisi. A seguito dell'eco economica globale delle sanzioni guidate dall'Occidente contro la Russia a causa dell'invasione russa dell'Ucraina dal febbraio 2022, l'inflazione in Perù è aumentata notevolmente. Nell'aprile 2022, il tasso di inflazione del Perù è salito al livello più alto degli ultimi 26 anni, creando maggiori difficoltà per una popolazione sempre più povera.

Confraternita di Pisco

Secondo Convoca, il leader dell'Unione delle corporazioni di trasporto multimodale del Perù (UGTRANM), Geovani Rafael Diez Villegas, ha incontrato il presidente Castillo nell'agosto 2021 a nome della National Society of Industries (SNI), un'organizzazione di aziende manifatturiere. A causa del potere che Diez Villegas esercita in Perù, è descritto da El Comercio come il "ministro parallelo" del Ministero dei Trasporti e delle Comunicazioni (MTC), con il giornale che scrive che "[egli] ha potere decisionale sulla regolamenti emanati dal MTC ed è stato eseguito attraverso quel ministero per tre amministrazioni come se fosse casa sua”. Nel settembre 2021, i leader di SNI, UGTRANM, leader politici e altri dirigenti aziendali hanno iniziato a incontrarsi come "Fratellanza Pisco" e pianificare varie azioni, incluso il finanziamento di uno sciopero dei trasporti per destabilizzare il governo di Castillo e incoraggiarne la rimozione. Nell'ottobre 2021, il sito web di El Foco ha pubblicato filmati che rivelavano una chat di gruppo WhatsApp trapelata, con Bruno Alecc