Cluster linguistico

Article

August 15, 2022

Una famiglia linguistica è un insieme di lingue che hanno un'origine comune, ovvero le lingue antiche di quella famiglia. Come per le famiglie biologiche, dalle caratteristiche di queste lingue si possono osservare prove della relazione tra lingue affini. Una famiglia linguistica che può essere identificata con precisione è un'entità filogenetica, il che significa che tutti i membri di quella famiglia linguistica discendono da un pioniere e tutti i suoi discendenti sono inclusi in quella famiglia. La maggior parte delle lingue sulla terra sono membri di una famiglia linguistica, ma ci sono anche lingue (come le lingue isolate la cui relazione con altre lingue è sconosciuta o contestata). Il concetto di famiglia linguistica si basa sul presupposto che nel tempo una lingua si scompone lentamente in vari accenti, ognuno dei quali alla fine diventa una nuova lingua. Tuttavia, le genealogie linguistiche sono più oscure delle genealogie biologiche perché le lingue possono mescolarsi più facilmente (a causa del contatto linguistico, della conquista o del commercio) mentre le specie biologiche generalmente non si incrociano in quanto tali. Nel caso del creolo e di altre lingue miste, i fondatori di queste lingue sono più di uno. Ma casi come questo non sono la maggioranza e la maggior parte delle lingue sulla terra può essere classificata chiaramente.

Linguaggio pionieristico

Le origini di una famiglia linguistica, le lingue antiche, sono raramente conosciute direttamente perché la maggior parte delle lingue ha storie registrate relativamente brevi. Tuttavia, è possibile che queste lingue antiche utilizzino il metodo comparativo, un metodo di ricostruzione eseguito per la prima volta nel XIX secolo da un linguista August Schleiceher. Un esempio di finzione è un'antica lingua indoeuropea parlata in un'epoca in cui la scrittura non era ancora stata scoperta. In alcuni casi la lingua pioniera di una famiglia linguistica viene parlata in un momento in cui si inizia a usare la scrittura. Un accento dal latino (latino volgare) è la lingua pioniera della famiglia delle lingue romanze. Un accento dall'antico norreno era il precursore delle lingue germaniche settentrionali.

Ulteriore condivisione

Una famiglia linguistica può essere suddivisa in entità filogenetiche più piccole, generalmente denominate rami di una famiglia, perché la storia di una famiglia linguistica è spesso rappresentata come un diagramma ad albero. Il termine ciuffo tuttavia non è limitato a un singolo livello di questo albero. Ad esempio, la famiglia linguistica indoariana è un ramo della famiglia linguistica indoeuropea. Alcuni tassonomi limitano l'uso del termine famiglia in una certa misura, ma c'è poco accordo su questa limitazione. Alcuni dividono i ramoscelli in gruppi e i gruppi in complessi. C'è anche il termine supergruppo o phylum che è stato proposto per combinare diverse famiglie linguistiche il cui status di unità filogenetica non è supportato dal metodo della storia della scienza del linguaggio. Le lingue che non possono essere classificate chiaramente sono indicate come lingue isolate. Una lingua può essere isolata come un ramo a sé stante all'interno di una famiglia linguistica come il greco nella famiglia linguistica indoeuropea. Ci sono anche lingue isolate perfette che sono completamente estranee ad altre lingue nelle vicinanze come ad esempio la lingua euskerana, le somiglianze che ha con le lingue circostanti come Kastelano, Oksitan e francese sono dovute a influenze e mescolanze. Le relazioni tra famiglie linguistiche sono spesso utilizzate dagli antropologi insieme al DNA e alle prove fossili per ricostruire le migrazioni umane e altri eventi preistorici come la diffusione delle attività agricole.

Divisione

Per ulteriori informazioni, vedere La divisione delle lingue nel mondo

La più grande famiglia linguistica

Elenco delle famiglie linguistiche che hanno almeno l'1% delle 7.111 lingue totali sì