Penjarahan Amorion

Article

August 17, 2022

Il sacco di Amorion (chiamato Ammuriyah nelle fonti musulmane) compiuto dal califfato abbaside a metà agosto dell'838 fu uno degli eventi più importanti nella storia delle guerre arabo-bizantine. L'esercito abbaside era guidato direttamente dal califfo al-Mu'tashim (r. 833–842) e mirava a vendicare l'attacco dell'imperatore bizantino Teofilo (r. 829–842) ai confini del califfato l'anno prima. Il califfo al-Mu'tashim attaccò Amorion, una città bizantina nell'Anatolia occidentale, perché era il luogo di nascita della dinastia bizantina e una delle città più grandi e importanti del territorio bizantino a quel tempo. Il califfo riuscì a radunare un grande esercito, che poi divise in due. I due eserciti invasero quindi da nord-est e da sud. Le forze del nord-est sconfissero le forze bizantine guidate da Teofilo ad Anzen e gli Abbasidi riuscirono a entrare nell'interno dell'Asia Minore e radunarsi ad Ankira, che trovarono abbandonata. Dopo aver saccheggiato la città, si spostarono a sud verso Amorion. Sono arrivati ​​in città il 1 agosto. Lo stesso Teofilo non fu in grado di inviare rinforzi ad Amorion a causa della cospirazione a Costantinopoli e della ribellione del contingente Khurramiyah. Amorion aveva una difesa molto forte, ma c'era un traditore che faceva trapelare informazioni sui punti deboli delle mura della città, quindi gli Abbasidi concentrarono i loro attacchi su quel luogo e riuscirono a sfondare le difese della città. Boiditzes, che era il comandante sul lato del muro, cercò quindi di negoziare con gli Abbasidi senza prima avvisare i suoi superiori. Quindi accettò una tregua e lasciò il suo posto di servizio, in modo che gli Abbasidi potessero entrare nella città di Amorion e prenderla. Amorion fu poi distrutto e non poté risorgere come prima. Molti dei suoi cittadini furono massacrati e il resto ridotto in schiavitù. La maggior parte dei sopravvissuti fu infine rilasciata dopo che un armistizio fu concordato nell'841. Tuttavia, importanti funzionari furono portati nella capitale abbaside di Samarra e diversi anni dopo giustiziati per il loro rifiuto di convertirsi all'Islam. Da allora, sono stati conosciuti come i 42 martiri di Amorion. Questo incidente è stato anche oggetto di Abu Tammam nel fare un elogio sulla conquista di Amuriyyah (arabo: اسبة) e usato come mezzo per legittimare il potere da Al-Mu'tashim. La conquista di Amorion non solo fu disastrosa per Teofilo, ma traumatizzò il popolo bizantino, come si può vedere nelle opere letterarie scritte dopo di lui. Questo saccheggio non ha cambiato l'equilibrio di potere tra i Bizantini e gli Abbasidi. A poco a poco, Bisanzio si rafforzò effettivamente. Tuttavia, l'impatto maggiore di questo evento può essere visto da una prospettiva religiosa. L'imperatore Teofilo sostenne fortemente l'iconoclastia (rifiuto delle immagini nella religione) che si credeva avesse benedetto Bisanzio con una clamorosa vittoria. Questo saccheggio minò quella convinzione e la caduta di Amorion divenne un fattore importante nell'allontanare le persone dall'iconoclastia dopo la morte di Teofilo nell'842. Sfondo Nell'829, quando il giovane imperatore Teofilo (n. 813) salì al potere a Bisanzio, il suo paese aveva combattuto numerose guerre contro il califfato islamico per quasi due secoli, sebbene la pace fosse stata mantenuta per quasi vent'anni a causa delle guerre civili che imperversavano nel Califfato abbaside. Al momento dell'ascesa al trono di Teofilo, i musulmani continuarono la loro offensiva a est sotto la guida del califfo al-Ma'mun (r. 813–833). Nel frattempo, a ovest, eserciti musulmani riuscirono a conquistare gradualmente la Sicilia dalle mani bizantine dall'827.