Cronologia della pandemia di Covid-19

Article

June 28, 2022

Questo articolo documenta la cronologia e l'epidemiologia dell'infezione con la sindrome respiratoria acuta grave 2 (SARS-CoV-2), il virus responsabile della pandemia di coronavirus 2019-2020 che ha avuto origine a Wuhan, in Cina. Questo articolo potrebbe non coprire tutte le risposte e le azioni chiave. Alcuni nuovi sviluppi della malattia possono essere rilevati o completamente compresi con il metodo della retrospettiva.

Novembre 2019

17 novembre 2019: il primo caso confermato sarebbe apparso il 17 novembre 2019, ma all'epoca i casi erano ancora sconosciuti. La ricerca del primo paziente è ancora in corso.

Dicembre 2019

30 dicembre 2019: "Avviso urgente sul trattamento della polmonite di causa sconosciuta" emesso dall'amministrazione medica del Comitato sanitario municipale di Wuhan 31 dicembre 2019: 27 persone con polmonite di causa sconosciuta sono state segnalate all'OMS. La maggior parte sono proprietari di bancarelle del mercato del pesce della Cina meridionale di Wuhan. Sette residenti sono in condizioni gravi e in pericolo di vita. Di conseguenza, Hong Kong, Macao e Taiwan hanno rafforzato il processo di controllo degli ingressi nelle loro regioni.

gennaio 2020

1 gennaio 2020: i mercati del pesce e degli animali sospettati di essere collegati a casi di polmonite sono chiusi per pulizia e disinfezione 3 gennaio 2020: La Thailandia inizia lo screening dei passeggeri in arrivo da Wuhan in quattro diversi aeroporti. Lo stesso giorno, Singapore ha iniziato a controllare la temperatura dei passeggeri all'aeroporto di Changi.5 gennaio 2020: le prime indagini sulla causa della polmonite hanno escluso l'influenza stagionale, la SARS, la MERS e l'influenza aviaria. Il numero di casi sospetti segnalati ha raggiunto 59 persone con sette in condizioni critiche. Tutti i pazienti sono stati messi in quarantena e sono state monitorate 163 persone che sono entrate in contatto con loro. Al momento, non sono stati segnalati casi di trasmissione da uomo a uomo o presentazione agli operatori sanitari.6 gennaio 2020: I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) emettono un orologio di viaggio al livello 1, con raccomandazioni per lavaggio delle mani e consigli su come evitare animali, mercati di animali e contatto con persone malate se si viaggia a Wuhan.9 gennaio 2020: l'OMS conferma che un nuovo coronavirus è stato isolato da una persona ricoverata. Lo stesso giorno, i Centri europei per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno pubblicato la loro prima valutazione del rischio. L'OMS ha anche riferito che le autorità cinesi hanno agito rapidamente per identificare il nuovo coronavirus nelle settimane successive all'inizio dell'evento, con il numero di persone risultate positive a 41. La prima morte per virus è avvenuta in un uomo di 61 anni che era un cliente abituale del mercato. Aveva una serie di condizioni mediche significative, inclusa una malattia epatica cronica ed è morto di insufficienza cardiaca e polmonite. Questo incidente è stato segnalato in Cina dalla National Health Commission tramite i media statali cinesi l'11 gennaio. 10 gennaio 2020: dati di sequenziamento genico del coronavirus isolato di Wuhan, un virus della stessa famiglia del coronavirus SARS, pubblicati su Virological.org da ricercatori dell'Università Fudan, Shanghai. Tre dei Centri cinesi per il controllo e la prevenzione delle malattie, uno dell'Accademia cinese delle scienze mediche e uno dell'ospedale Jinyintan di Wuhan sono stati pubblicati sul sito web della Global Initiative on Sharing All Influenza Data (GISAID). Lo stesso giorno, Public Health England ha pubblicato le sue linee guida.11 gennaio 2020: in Cina, sono stati monitorati più di 700 contatti stretti di 41 casi confermati, tra cui più di 400 operatori sanitari, senza nuovi casi segnalati in Cina dal 5 gennaio . L'OMS pubblica una guida preliminare su consigli di viaggio, test di laboratorio e indagini mediche 13 gennaio 2020: il CDC annuncia che il genoma è stato registrato con il database di sequenze genetiche del National Institutes of Health, GenBank.