Kabul

Article

August 16, 2022

Kabul (persiano: ابل Kābol IPA: [kɒːˈbol]; Pashtun: ابل Kābul IPA: [kɑˈbul]; arcaico Caubul) è la capitale e la città più grande dell'Afghanistan con una popolazione di circa 4,6 milioni di abitanti. Un tunnel collega Kabul con il confine con il Tagikistan sotto le montagne dell'Hindu Kush. Le materie prime prodotte a Kabul includono vestiti, barbabietole da zucchero, mobili e armi. La performance economica di Kabul è stata ridotta a causa della guerra che continua dal 1979. Kabul ha più di 3000 anni. Molti regni hanno combattuto per questa città, grazie alla sua posizione strategica lungo le rotte commerciali dell'Asia meridionale e centrale. Nel 1504 Babur fece di questo luogo la capitale dell'Impero Moghul. Nel 1776 Timur Shah Durrani ne fece la capitale dell'Afghanistan moderno.

Storia

Nel 674, l'invasione islamica raggiunse l'attuale Afghanistan e conquistò Kabul. Nel corso dei successivi 1100 anni, la città fu governata dai Samanidi, dalla dinastia Hindu Shahi, dai Ghaznavidi, dai Ghorids, dalla dinastia Timuride, dall'Impero Mughal e infine dall'Impero Durrani.

XIV secolo

Nel 14° secolo Kabul rinasce come centro commerciale sotto Timur Lang, che sposò la sorella del sovrano di Kabul. Quando il potere di Timur svanì, la città fu catturata da Babur nel 1504 e ne fece il suo quartier generale.

21° secolo

Nel novembre 2001, l'Alleanza del Nord ha catturato Kabul dopo che i talebani l'hanno abbandonata in seguito all'invasione americana. Un mese dopo, il nuovo governo sotto il presidente Hamid Karzai iniziò a riunirsi. Nel frattempo, la Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (ISAF) a guida NATO è dispiegata in Afghanistan. La città dilaniata dalla guerra sta iniziando a vedere alcuni sviluppi positivi poiché molti espatriati afgani tornano nel paese. La popolazione della città è cresciuta da circa 500.000 nel 2001 a più di 3 milioni negli ultimi anni. Molte ambasciate straniere hanno riaperto. Nel 2008 il processo ha iniziato a trasferire gradualmente la responsabilità della sicurezza dalla NATO alle forze afghane. Dalla fine del 2001 la città ha continuato a essere ricostruita: molti punti di riferimento danneggiati sono stati ricostruiti o rinnovati, ad esempio il parco Babur nel 2005, l'arco di Paghman, la torre dell'orologio del ponte Mahmoud Khan nel 2013 e il palazzo Tajbeg nel 2021. Sono stati compiuti anche sforzi della comunità locale Riuscì a restaurare case e abitazioni locali dilaniate dalla guerra. La città ha subito una rapida urbanizzazione con una popolazione in crescita. Sono stati costruiti molti insediamenti informali. Dalla fine degli anni 2000 sono stati costruiti molti complessi residenziali moderni, molti dei quali sono recintati e protetti, per servire la crescente classe media dell'Afghanistan. Alcuni di questi includono Aria City (nel distretto 10) e Gold City (distretto 8). Diversi complessi sono stati costruiti fuori città, come la città di Omid-e-Sabz (distretto 13), la città di Qasaba/Khwaja Rawash (distretto 15) e la città di Sayed Jamaludin (distretto 12). , la "Zona Verde" era di alta sicurezza formata nel centro della città. Nel 2010 sono stati messi in funzione una serie di posti di blocco presidiati chiamati Ring of Steel. Per motivi di sicurezza sono apparsi anche muri esplosivi in ​​cemento in tutta Kabul negli anni 2000. Nonostante i frequenti attacchi terroristici in città, in particolare da parte del gruppo talebano, la città continua a crescere ed è stata la quinta città al mondo in più rapida crescita nel 2012. Ad agosto 2021 , le Forze di sicurezza nazionali afgane (ANSF) si sono fatte carico della sicurezza dentro e intorno alla città. Kabul è stata periodicamente teatro di attentati mortali effettuati principalmente dai talebani ma anche dalla rete Haqqani, dall'ISIL e da altri gruppi anti-statali. Dipendenti del governo, soldati e civili ordinari erano tutti bersagli di attacchi. Il governo afgano ha definito l'atto terroristico un crimine di guerra. L'attacco più mortale è stato l'attentato al camion nel maggio 2017. Ad agosto