Invasione russa dell'Ucraina 2022

Article

June 27, 2022

Il 24 febbraio 2022, la Russia ha lanciato un'invasione su larga scala dell'Ucraina, uno dei suoi vicini sud-occidentali. L'invasione ha segnato un evento cruciale nella guerra russo-ucraina iniziata nel 2014. Alcuni funzionari e analisti hanno definito l'invasione la più grande offensiva militare convenzionale in Europa dalla seconda guerra mondiale.La crisi è iniziata con un accumulo militare attorno al confine ucraino, che è iniziato all'inizio del 2021. Gli Stati Uniti e altri paesi accusano la Russia di pianificare un'invasione, ma i funzionari russi hanno ripetutamente negato che la Russia abbia intenzione di invadere l'Ucraina. Con l'evolversi della crisi, il presidente russo Vladimir Putin ha condannato l'espansione della NATO dopo il 1997 come una minaccia alla sicurezza del suo paese, un'affermazione che la NATO nega e ha chiesto all'Ucraina di vietare l'adesione alla NATO. Putin ha espresso opinioni sull'irredentismo russo e ha messo in dubbio il diritto alla sovranità dell'Ucraina. Prima dell'invasione, nel tentativo di avere un casus belli, Putin ha accusato l'Ucraina di genocidio contro i russofoni in Ucraina; Accuse ampiamente ritenute infondate.Il 21 febbraio 2022, la Russia ha riconosciuto ufficialmente la sovranità della Repubblica popolare di Donetsk e della Repubblica popolare di Lugansk, due stati proclamati unilateralmente e controllati dalle forze filo-russe nel Donbas. Il giorno successivo, il Consiglio della Federazione Russa ha consentito all'unanimità a Putin di usare la forza militare al di fuori dei confini della Russia e la Russia ha inviato truppe in entrambe le regioni. Alle 5:00 EET (UTC+2), il presidente Vladimir Putin ha annunciato "operazioni militari speciali" nell'Ucraina orientale; Pochi minuti dopo, sono iniziati gli attacchi missilistici in tutta l'Ucraina, inclusa la capitale Kiev. Il servizio di frontiera ucraino ha affermato che i suoi posti di frontiera con Russia e Bielorussia sono stati attaccati. Due ore dopo, le truppe di terra russe sono entrate in Ucraina. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha risposto imponendo la legge marziale, interrompendo le relazioni diplomatiche con la Russia e annunciando la mobilitazione generale.L'invasione ha suscitato critiche internazionali diffuse, comprese le sanzioni imposte alla Russia, provocando una crisi finanziaria. Le proteste in tutto il mondo si sono svolte contro l'invasione, mentre le proteste contro la guerra in Russia sono state accolte con arresti di massa. Sia prima che durante l'invasione, molti paesi hanno fornito assistenza all'Ucraina, comprese armi e altro supporto materiale. Sfondo

Contesto post-sovietico e rivoluzione arancione

Dopo lo scioglimento dell'Unione Sovietica nel 1991, l'Ucraina e la Russia hanno continuato a mantenere strette relazioni. Nel 1994, l'Ucraina ha accettato di abbandonare il suo arsenale nucleare e ha firmato il Memorandum di Budapest sulle garanzie di sicurezza a condizione che Russia, Gran Bretagna e Stati Uniti fornissero garanzie contro la minaccia o l'uso della forza contro l'integrità territoriale o l'indipendenza politica dell'Ucraina. Cinque anni dopo, la Russia è firmataria della Carta per la sicurezza europea, in cui la Russia "riafferma il diritto intrinseco di ogni Stato partecipante di scegliere o modificare liberamente i propri accordi di sicurezza, compresi gli accordi di alleanza, man mano che si sviluppano". A novembre, l'allora primo ministro Viktor Yanukovich è stato dichiarato vincitore, nonostante le accuse di brogli elettorali da parte degli osservatori elettorali. I risultati delle elezioni hanno provocato l'indignazione dei sostenitori del suo candidato rivale, Viktor Yushchenko. Ciò in seguito portò a diffuse proteste pacifiche contro i risultati, che divennero noti come la rivoluzione arancione. Nei mesi turbolenti della rivoluzione, il candidato Yushchenko si ammalò improvvisamente gravemente e fu presto scoperto da diversi gruppi indipendenti di medici che era stato avvelenato con la diossina TCDD. Yushchenko sospetta fortemente il coinvolgimento della Russia nell'avvelenamento. Dopo che la Corte Suprema dell'Ucraina ha ribaltato i risultati