Attivismo Internet

Article

August 17, 2022

L'attivismo su Internet (noto anche come attivismo online, campagna digitale, attivismo digitale, organizzazione online/online, difesa elettronica, attivismo informatico, campagne elettroniche e attivismo elettronico) è l'uso di tecnologie di comunicazione elettronica come i social media, in particolare Twitter, Facebook, YouTube, e-mail e podcast per varie forme di attivismo per consentire una comunicazione più rapida con i movimenti dei cittadini e la consegna di informazioni locali a un pubblico più ampio. La tecnologia Internet viene utilizzata per scopi legati alla raccolta di fondi, alla costruzione di comunità, al lobbying e all'organizzazione.

Digita

Sandor Vegh divide l'attivismo online in tre categorie principali: consapevolezza/advocacy, organizzazione/mobilitazione e azione/reazione Esistono altri modi per classificare i tipi di attivismo online, ad esempio in base al grado di dipendenza da Internet. Pertanto, l'anonimato ora o l'hacking su Internet possono essere visti come una pura forma di attivismo online, mentre il movimento Receh per Prita Mulyasari, ad esempio, è solo parzialmente online. Internet è una risorsa importante per gli attivisti indipendenti, o attivisti elettronici, in particolare quelli che esprimono messaggi che possono entrare in conflitto con il mainstream. "Soprattutto quando si verificano gravi violazioni dei diritti umani, Internet è fondamentale per segnalare atrocità al mondo esterno". Listserv come BurmaNet e Freedom News Group aiutano a distribuire notizie che altrimenti sarebbero accessibili in questi paesi. Gli attivisti di Internet presentano anche petizioni elettroniche da inviare a governi e organizzazioni pubbliche e private per protestare o premere per cambiamenti politici positivi nelle aree del commercio di armi e della sperimentazione animale. Molte organizzazioni non profit e enti di beneficenza utilizzano questo metodo, inviando petizioni via e-mail alle persone nelle loro liste di posta elettronica e chiedendo alle persone di inoltrarle. Internet consente inoltre a organizzazioni come le ONG di comunicare con gli individui in modo economico e tempestivo. Incontri e proteste possono essere organizzati con il contributo di organizzatori e partecipanti. Il lobbismo è reso più semplice anche su Internet, grazie all'e-mail di massa e alla sua capacità di trasmettere messaggi ampiamente a un piccolo costo. I principali siti di social networking, in particolare facebook.com, forniscono anche strumenti di e-attivista ai propri utenti. Una cultura partecipativa attiva è gestita dalla comunità sui siti di social network perché consentono la comunicazione tra i gruppi. Nell'articolo "Why We Argue about Virtual Community: A Case Study of the Phish.net Fan Community", Nessim Watson sottolinea la necessità di comunicazione nelle comunità online. Ha inoltre affermato che "Senza una comunicazione continua tra i partecipanti, la società svanirà". La costante capacità di comunicare con i membri della comunità arricchisce l'esperienza della comunità online e ridefinisce il concetto di comunità.Inoltre, attacchi denial-of-service, acquisizione e distruzione di un sito Web, caricamento di virus trojan e invio di e-mail bomb (mass e -mails) sono anche esempi.Attivismo su Internet.

Processo di sviluppo

In uno studio è stata discussa una discussione sul modello evolutivo della mobilitazione politica. Quando i cittadini si uniscono ai gruppi e creano discussioni, iniziano la loro prima fase di coinvolgimento. Ci si aspetta sempre più che inizieranno a firmare petizioni online e continueranno a contattare offline fintanto che l'organizzazione fornirà ai cittadini un impegno graduale.

Attivista Internet

Julian Assange – Wikileaks Daniel Domscheit-Berg – OpenLeaks, precedentemente Wikileaks Jimmy Wales – Wikipedia Pierre Omidyar – Rete Omidyar Xiao Qiang – China Digital Times Jacob Appelbaum – Progetto Tor Aaron Swartz – Reddit, Creative Commons, Open Library, Demand Progress Marco Camisani Calzolari – Livepetitions, Rete Petizioni Wael Ghonim - Siamo tutti Khaled Said

Impatto sulla discussione politica quotidiana

Secondo alcuni osservatori,