Biblioteca del monumento di Selmec (Miskolc)

Article

June 29, 2022

La Biblioteca del Monumento Selmec contiene la biblioteca dell'Accademia Selmec, l'antenata dell'Università di Miskolc e dell'Università di Sopron, che era praticamente intatta, circa 45mila del periodo compreso tra il 1735 e il 1918. L'ex biblioteca accademica è una collezione speciale chiusa con protezione dei monumenti, che è una base significativa per la ricerca sia ungherese che europea nella storia della scienza e della tecnologia in entrambe le università. Dal 1969, la Monument Library si trova al piano terra dell'edificio della biblioteca dell'Università di Miskolc, in una sala climatizzata progettata per la collezione. La Biblioteca dei Monumenti - in quanto museo - può essere visitata anche dal grande pubblico. La Bergschule, l'istituto minerario e metallurgico, fu fondato a Banská Štiavnica nel 1735 per formare specialisti minerari e metallurgici. Già al momento della sua istituzione, avevano fornito la letteratura necessaria per la formazione, ma Sámuel Mikoviny, il primo insegnante della scuola, ha fornito anche libri dalla sua biblioteca, oltre a libri della Selmec Mining Engineering. Quando fu costituita la Bergakademie, l'istituto rilevò i libri della scuola mineraria e metallurgica, ma il patrimonio librario crebbe anche attraverso l'acquisizione di nuovi libri, lasciti e biblioteche private. Nel 1776 si verificò un aumento quasi esponenziale dei possedimenti con l'acquisto della biblioteca privata di Johann Thaddäus Peithner di 1392 opere. La biblioteca unificata dell'Accademia fu istituita nel 1780, quando la biblioteca conteneva più di 900 opere in 1.800 volumi. Il suo scopo era principalmente nei campi dell'estrazione mineraria, della metallurgia e della matematica. In un primo momento, la biblioteca poteva essere utilizzata solo dai docenti e dai funzionari dell'Ufficio del Capo della Camera, e gli studenti avevano una biblioteca nella propria organizzazione. La gestione della biblioteca accademica era precedentemente responsabilità di un professore designato e poi di un assistente insegnante, solo nel 1903 fu nominato il primo bibliotecario a tempo pieno, János Vető. Le librerie dell'accademia e del college, che avevano subito diverse fasi di sviluppo, si svilupparono gradualmente, se non costantemente, e verso la metà degli anni Ottanta dell'Ottocento si trasferirono nella sede "finale" a Banská Štiavnica, alla Fritz House nel centro di Selmec, dove era già stato redatto un manuale dello studente. A causa di cambiamenti politici, nella primavera del 1919 il collegio - e ovviamente la sua biblioteca - si trasferì a Sopron. Secondo il profilo educativo, il patrimonio della biblioteca del monumento è diviso tra le due università successive, circa tre quarti a Miskolc e un quarto a Sopron. Miskolc (secondo la specializzazione originale Selmec) è stato sostituito da meccanica, ingegneria generale, metrologia, rilevamento della terra e minerario, chimica, fisica, mineralogia, geologia, paleontologia, estrazione mineraria, diritto minerario, metallurgia, produzione di sale, conio e materiale cartografico. Matematica, architettura e silvicoltura (agricoltura) si trasferiscono a Sopron. In generale, Miskolc dispone di tecnologia generale, tecnologia chimica (enciclopedie, collane, raccolte), scienze naturali generali, enciclopedie, pubblicazioni di istituzioni scientifiche, periodici letterari, bibliografie, ecc. Il materiale della Biblioteca del Monumento Selmec è stato elaborato da László Zsámboki, un impiegato della biblioteca universitaria e poi direttore generale. Questo articolo si occupa fondamentalmente della Biblioteca del Monumento Selmec presso l'Università di Miskolc.

Storia dell'educazione mineraria-metallurgia (e forestale)

Nel XVII secolo, lo sviluppo industriale in continua accelerazione, in particolare la crescita della produzione mineraria e metallurgica, richiedeva all'Impero asburgico di avere sufficienti conoscenze scientifiche sull'argomento (matematica, geometria, ingegneria meccanica, t