Vicepresidente delle Filippine

Article

May 24, 2022

Il vicepresidente delle Filippine (Pangalawang Pangulo ng Pilipinas) è eletto ogni sei anni a suffragio universale diretto per un mandato rinnovabile una sola volta. Succede al presidente in caso di morte, revoca, incapacità o dimissioni di quest'ultimo. Il vicepresidente non ha potere esecutivo a meno che non sia nominato al gabinetto dal presidente. L'attuale titolare della funzione è Leni Robredo dal 30 giugno 2016.

Storia

La carica di vicepresidente fu stabilita dalla Costituzione del 1935 nel Commonwealth delle Filippine, allora sotto il dominio americano. Fu temporaneamente soppresso sotto la Seconda Repubblica (in realtà il regime fantoccio stabilito dagli occupanti giapponesi durante la guerra) così come sotto la Quarta Repubblica (in realtà il regime autoritario di Ferdinand Marcos). L'attuale Costituzione del 1987 ripristina la posizione e ne definisce il ruolo e le modalità elettorali. Quattro vicepresidenti in carica hanno governato nella storia: Sergio Osmeña alla morte del presidente Manuel Quezon nel 1944, Elpidio Quirino alla morte di Manuel Roxas nel 1948, Carlos P. García alla morte di Ramon Magsaysay nel 1957 e Gloria Macapagal-Arroyo dopo le dimissioni di Joseph Estrada nel 2001.

Elezione

Il vicepresidente è eletto contestualmente al presidente con lo stesso metodo elettorale, cioè a suffragio universale diretto. Qualsiasi cittadino filippino in età per votare (diciotto anni e più) può votare se ha risieduto da almeno un anno nel paese, nonché i sei mesi precedenti l'elezione nel luogo in cui desidera votare, purché non giudiziale la condanna vieta il loro diritto di voto. Il Congresso delle Filippine è responsabile della corretta condotta e della segretezza del voto. A differenza del mandato del presidente che non è rinnovabile, il vicepresidente può essere rieletto una sola volta, per un massimo di due mandati. I candidati alle elezioni devono essere cittadini delle Filippine sin dalla nascita, risiedere nell'arcipelago da almeno dieci anni al momento dell'elezione, avere quarant'anni o più, essere registrati per votare ed essere in grado di leggere e scrivere.

Ruolo

Il vicepresidente succede al presidente in caso di morte, dimissioni, revoca o impedimento al governo di quest'ultimo; se il Vicepresidente stesso non è in grado di governare, assume la presidenza il Presidente del Senato. Il vicepresidente può anche essere nominato al Consiglio dei Ministri dal presidente e in questo caso assumere il potere esecutivo.

Stipendio

Nei primi undici mesi del suo mandato (30 giugno 2016 - 9 giugno 2017), Leni Robredo ha guadagnato un totale di ₱ 1.007.897,80 pesos filippini (₱), che include ₱ 812.256 di stipendio, ₱ 12.000 come compenso e compenso, ₱ 170.376 in bonus e benefit e ulteriori ₱ 13.265,80.

Impeachment

Come il presidente, il vicepresidente può essere revocato dall'incarico a seguito di una cosiddetta procedura di impeachment in caso di violazione della Costituzione, tradimento, corruzione, reati di particolare gravità o abuso della pubblica fiducia. Una procedura di impeachment deve essere prima convalidata da un terzo dei membri della Camera dei rappresentanti e va a buon fine se votata da due terzi dei senatori.

Elenco dei vicepresidenti

Riferimenti

Collegamento esterno

(it)(fil) Sito ufficiale Portale delle Filippine Portale della politica