Trattato sul funzionamento dell'Unione europea

Article

August 17, 2022

Il Trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE), noto anche come Trattato di Roma, è uno dei due trattati fondamentali delle istituzioni politiche dell'Unione europea insieme al Trattato sull'Unione europea. Quando fu creato il 25 marzo 1957 si chiamava Trattato istitutivo della Comunità Economica Europea, fino alla firma del Trattato sull'Unione Europea il 7 febbraio 1992, che ne modificava il contenuto e lo ribattezzava Trattato istitutivo della Comunità Europea. È stato nuovamente modificato radicalmente quando il Trattato di Lisbona è stato firmato il 13 dicembre 2007 ed è diventato il Trattato sul funzionamento dell'Unione europea.

Storia

Origini

Originariamente chiamato "Trattato istitutivo della Comunità economica europea", è stato l'atto costitutivo della Comunità economica europea (CEE). Fu firmato il 25 marzo 1957 nella Sala degli Orazi e Curiace del Campidoglio a Roma, da Germania, Francia, Italia e dai tre paesi del Benelux: Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi, le delegazioni che avevano la volontà di impegnarsi in un irreversibile processi. Secondo il suo preambolo, il trattato mira in particolare a "porre le basi di un'unione sempre più stretta tra i popoli d'Europa". Lo stesso giorno, gli stessi paesi hanno firmato il Trattato Euratom. Acquisite tutte le ratifiche alla fine dell'anno 1957, il trattato poté entrare in vigore il 1° gennaio 1958. Istituiva il mercato comune europeo e definiva le basi della politica agricola comune attuata nel 1962.

Modifiche

Il Trattato di Maastricht del 7 febbraio 1992 ha ribattezzato la Comunità Economica Europea in Comunità Europea. Il nome del trattato è quindi diventato ufficialmente: "Trattato istitutivo della Comunità Europea". Il trattato è stato modificato più volte: l'Atto unico europeo, firmato nel 1986 a Lussemburgo, è entrato in vigore il 1° luglio 1987; il Trattato di Maastricht, firmato il 7 febbraio 1992, entrato in vigore il 1° novembre 1993, che istituisce l'Unione Europea; il Trattato di Amsterdam, firmato il 2 ottobre 1997, entrato in vigore il 1 maggio 1999, che modifica il Trattato sull'Unione Europea, i Trattati istitutivi rispettivamente della Comunità Europea, della Comunità Europea del Carbone e dell'Acciaio e della Comunità Europea dell'Energia Atomica (inserimento di un articolo 16 sui servizi di interesse economico generale) e alcuni atti connessi; il Trattato di Nizza, firmato il 26 febbraio 2001, è entrato in vigore il 1° febbraio 2003; il Trattato di Roma del 2004, noto anche come Trattato che adotta una Costituzione per l'Europa, firmato il 24 ottobre 2004 dai Capi di Stato membri dell'Unione europea. Tuttavia, questo trattato non è entrato in vigore in seguito al suo rifiuto tramite referendum in Francia e nei Paesi Bassi nel 2005; il Trattato di Lisbona del 13 dicembre 2007, entrato in vigore il 1° dicembre 2009, modifica numerose disposizioni del Trattato CE e lo rinomina “Trattato sul funzionamento dell'Unione”.

Cronologia dell'Unione Europea

Contenuto del trattato

Il trattato sul funzionamento dell'Unione si compone di sette parti, seguite da 37 protocolli e due allegati. Inoltre, 65 dichiarazioni degli Stati membri sono state allegate all'atto finale della Conferenza intergovernativa che ha adottato il trattato di Lisbona.

I principi

La prima parte contiene: la definizione del Trattato e il suo legame con il Trattato sull'Unione europea (articolo 1); la definizione delle competenze dell'Unione: competenza esclusiva, competenza concorrente (artt. 2-6); alcuni principi generali dell'azione dell'Unione (articoli da 7 a 17).

Non discriminazione e cittadinanza dell'Unione

La seconda parte contiene disposizioni relative al principio di no