Religione

Article

August 14, 2022

Una religione è un sistema di pratiche e credenze in uso in un gruppo o in una comunità. Non esiste una definizione riconosciuta valida per tutto ciò che oggi è lecito chiamare religione. Il termine latino religio fu definito per la prima volta da Cicerone come "prendersi cura e adorare una natura superiore che è chiamata divina". Nelle lingue dove il termine deriva dal latino, la religione è spesso vista come quella che riguarda il rapporto tra l'umanità e una o più divinità. Nel Corano il termine dîn, che può essere considerato equivalente a quello di religione, designa anzitutto le prescrizioni di Dio per una comunità. In cinese, il termine zōng jiào (宗教), coniato all'inizio del XX secolo per tradurre quello di religione, è connotato dall'idea di un insegnamento per una comunità. Il buddismo è spesso considerato una religione anche se non parla di Dio, né della natura divina. La religione può essere intesa come i modi per cercare - e possibilmente trovare - risposte alle domande più profonde dell'umanità. In questo senso si riferisce alla filosofia. Ma può anche essere visto come ciò che è più contrario alla ragione e come sinonimo di superstizione. Può essere personale o comunitario, privato o pubblico, legato alla politica o volendo liberarsene. Può essere riconosciuto anche nella definizione e pratica del culto, dell'insegnamento, degli esercizi spirituali e del comportamento nella società. La questione di sapere cosa sia la religione è anche una questione filosofica, la filosofia è in grado di fornire alcune risposte, ma anche contestare le ovvie definizioni che vengono proposte. Quindi la domanda su cosa sia una religione è una domanda aperta. Storicamente, le religioni concepite come ordini in cui si raccomanda cosa fare e cosa credere sono nate con partiti religiosi che si contrappongono nell'Europa occidentale del XVI secolo. Questi partiti sono principalmente quelli cattolici e protestanti, così come la diversità delle confessioni protestanti. L'uso di designare questi partiti come "religioni" appare alla fine del XVI secolo, mentre, per estensione, inizia anche a essere una questione di "religioni" in connessione con l'Islam, il Buddismo, il Taoismo, l'Induismo e tutte le religioni di il mondo fin dalle origini dell'umanità. La trasformazione dell'esperienza religiosa degli europei è stata ripresa al tempo dell'Illuminismo in un interrogativo che presupponeva un'essenza della religione a monte di tutte le religioni storiche. Da allora cominciò a porsi la questione ancora irrisolta di sapere cosa sia una religione o una religione rispetto alle innumerevoli religioni del mondo. È oggetto di ricerca accademica nelle scienze umane. Discipline come la storia, la sociologia, l'antropologia o la psicologia studiano ciò che viene chiamato il fatto religioso senza fare affidamento su una definizione che corrisponda omogeneamente a tutto ciò che viene così studiato.

Storia del termine religione

Nel latino dell'Antichità, come attesta un'espressione di Cicerone, si poteva ritenere che "ogni città ha la sua religione". In questo senso, una religione riguarda tradizioni, costumi e culti di un determinato popolo o cittadini di una città. Nella tarda antichità, mentre si sviluppava il cristianesimo e gli autori cristiani pretendevano che anch'esso fosse considerato una religione, questo modo di considerare le religioni progressivamente scomparve a favore di una considerazione già presente prima del cristianesimo che la religione si prendesse cura di una natura divina su