Primavera delle leggende

Article

August 10, 2022

Le Printemps des Légendes è stato un festival biennale dedicato al leggendario e al magico, tenutosi tra il 2009 e il 2014 in primavera a Monthermé e Bogny-sur-Meuse, nelle Ardenne francesi. È stato creato da Hervé Gourdet e Olivier Rime, rispettivamente illustratori di Bogny-sur-Meuse, il paese dei quattro figli di Aymon, e autore (la Piccola guida alla Féerie nelle Ardenne e la Piccola guida alla stregoneria nelle Ardenne) e insegnante , con il sostegno dell'associazione La Nef des Fées. Con 4.500 visitatori durante la sua prima edizione e 5.000 nell'aprile 2012, è diventato uno dei principali festival francesi su questi temi, ricevendo personalità come Pierre Dubois, Claudine Glot, Régis Boyer o persino Bernard Sergent per firme e conferenze. Ha inoltre offerto mostre, eventi (racconti, spettacoli, musica, ecc.) e l'assegnazione del Premio letterario delle favole Oriande. Nel 2014, dopo aver lasciato l'associazione organizzatrice, Hervé Gourdet ha annunciato sulla sua pagina Facebook la fine del Printemps des Légendes.

Temi

L'obiettivo del Printemps des Légendes è innanzitutto quello di mettere in luce il patrimonio leggendario nella comunità dei comuni Mosa e Semoy, come quello dei quattro figli Aymon, ma anche altre leggende della foresta delle Ardenne, come quelle dei Nuton e creature fatate come fate e streghe. Consente inoltre a vari autori e artisti interessati al leggendario di tutta la Francia (e del Belgio) di incontrare il proprio pubblico e presentare le proprie opere. Tra gli ospiti figurano illustratori, editori, narratori e relatori. Il festival ospita anche mostre, diversi eminenti specialisti di magia e leggende come Pierre Dubois e Claudine Glot, e scienziati come lo storico Régis Boyer o l'attuale presidente della società mitologica francese Bernard Sergent.

Modifica cronologia

Hervé Gourdet ha l'idea di creare questo festival realizzando la mania attorno all'immaginazione e alla magia. Scelse naturalmente di organizzarlo nelle Ardenne, suo paese natale, per mostrare il luogo delle mitiche Ardenne, poi eclissate da quella della Bretagna.

2009

La prima edizione del 21 e 22 marzo 2009 ha accolto più di 4.500 partecipanti. Lì vengono organizzati uno spettacolo di narrativa di Édouard Brasey e una magica parata di chiusura. Sono invitati, tra gli altri, Béatrice Bottet, Albert Moxhet, Nathalie Dau, Krystal Camprubi, Séverine Pineaux, Dr Leo Ruickbie, Godo... Vengono organizzate mostre, conferenze, un concerto e una sfilata.

2010

Il tema scelto sono i quattro figli di Aymon e la mitologia norrena. L'illustratore locale Krystal Camprubi, originario della Mosa, ha realizzato il poster per l'edizione 2010. L'ospite d'onore è l'elficologo Pierre Dubois. Claudine Glot, direttrice del centro dell'immaginazione arturiana, presenta i premi Oriande. Lo storico Régis Boyer conduce una conferenza dedicata al leggendario scandinavo. Tra gli ospiti ci sono Erlé Ferronnière, Jess Kaan, Édouard Kloczko, Édouard Brasey, Maurice Vandeweyer, Pierre Efratas, Jean-Luc Marcastel, Nathalie Dau, Albert Moxhet, Frédéric Anarratone, Richard Ely... Sono presenti anche le edizioni Argemmios, Lokomodo, Weyrich, Porte-lune, Spootnik, Celtik Diffusion, Netscripters, Ogham... Khimaira magazine, Elbakin.net, Transition, Fées Divers, Keltia magazine e Peuple Férique. Al termine di questa edizione, il festival diventa semestrale per non competere con il festival Trolls et Légendes de Mons.

2012

Il tema scelto è “Le dame del lago e le dame della Mosa”, ovvero un riavvicinamento tra le leggende della Bretagna e delle Ardenne. Il poster è prodotto da Bruno Brucéro, l'ospite d'onore è l'Arturiano Imaginary Center, che per due giorni