Stampe universitarie di Francia

Article

August 17, 2022

Les Presses Universitaires de France (PUF) è una casa editrice fondata nel 1921 da un collegio di professori. L'azienda è specializzata nella pubblicazione di riviste scientifiche e libri di testo accademici. La società è stata sciolta nel 2017 dopo la fusione con Belin.

Storia

Il 17 dicembre 1921 fu creata una società cooperativa, le Presses Universitaires de France (PUF) da cinque professori, vale a dire Pierre-Marcel Lévi dit Pierre-Marcel, Edmond Schneider, Maurice Caullery, Charles Marie, Ferdinand Gros e Xavier Léon. I primi due membri sono nominati amministratori. Il maggiore azionista è la Banca delle Cooperative. Nel febbraio 1922 viene aperta una libreria al 49 di boulevard Saint-Michel a Parigi: a luglio viene pubblicato il primo libro del marchio PUF. Tra il 1926 e il 1928, il PUF acquisì una partecipazione in Leroux e Rieder, quindi acquistò la tipografia da François Launay a Vendôme. Tra il 1934 e il dicembre 1939, su iniziativa di Paul Angoulvent e in seguito al fallimento del principale azionista, la Banca delle Cooperative, il 28 settembre 1934, la University Press of France si fuse con tre editori: Félix Alcan associato al nipote René Lisboa (principalmente specialista in filosofia), Leroux (redattore di storia) e Rieder (letteratura generale). Queste quattro entità sono all'origine del logo “Quadrige” visualizzato nelle pubblicazioni P.U.F da quel momento in poi. Questo logo sarà anche l'origine del nome della collezione di filosofia Quadrige dal 1981. Paul Angoulvent tenne la presidenza della nuova casa editrice dell'epoca, fino alla costituzione nel 1968 di un consiglio di amministrazione e di un consiglio di sorveglianza di cui assunse la presidenza. Gli succede, come presidente del consiglio di amministrazione, il figlio Pierre, che ricopre tale carica fino al 1994, anno in cui gli succede Michel Prigent fino alla sua morte nel 2011. A lui seguono Alain Morvan e poi Monique Labrune nel 2012. Le PUF hanno subito una ristrutturazione molto significativa nel 2000 con la modifica del vecchio statuto da cooperativa a società per azioni, la vendita della loro libreria, place de la Sorbonne, e l'apertura al conferimento di nuovi capitali (55,5% per la società civile Libris composto in particolare dai principali autori, direttori di collezioni, riviste e dizionari, fondato da Michel Prigent, 16,4% per il GMF, 15,1% per il gruppo Flammarion, 8,1% per il gruppo MAAF, 4,5% per la Martin Bodmer Foundation, 0,4% per gli ex soci cooperativi) [rif. necessario]. Nel 2010 i PUF sono stati oggetto di un nuovo conferimento di capitale da parte delle società che compongono Covéa, SGAM che raggruppa MAAF, MMA e GMF, tramite il fondo di dotazione Thôt, nell'ambito della politica di economia sociale di questo gruppo. Dopo un netto ritorno alla redditività, i PUF si sono trovati nuovamente in difficoltà dopo la morte del loro presidente, Michel Prigent. Nel 2014 il gruppo riassicurativo Scor ha acquisito una quota di maggioranza del capitale delle PUF, attraverso un aumento di capitale. La governance è passata dal regime di "consiglio di amministrazione e consiglio di sorveglianza" a un "consiglio di amministrazione", con la separazione delle funzioni di presidente (Jean-Claude Seys) e amministratore delegato (Frédéric Mériot). La raccolta enciclopedica "Que sais-je?" È stato a lungo uno dei fiori all'occhiello di questo editore. Fondata nel 1941 da Paul Angoulvent, l'idea era quella di trattare più soggetti possibili in un formato semplice (formato tascabile, 128 pagine, stampato solo in bianco e nero) e ad un prezzo ridotto. Questa raccolta ha riscosso un enorme successo con, all'inizio del 21° secolo, circa 3.800 titoli disponibili, 200 milioni di copie vendute e traduzioni in 43 lingue. Quest'ultimo diventerà un marchio a sé stante quando verrà creato Humensis. La costituzione il 1 dicembre 2016 di un gruppo di stampa Humensis con