Primo Impero

Article

August 11, 2022

L'Impero francese, chiamato a posteriori Primo Impero francese, è il regime imperiale della Francia dal 18 maggio 1804, data della proclamazione di Napoleone Bonaparte imperatore dei francesi da parte del senatus-consulte, fino alla sua prima abdicazione il 4 aprile 1814 , poi il suo ritorno a Parigi il 20 marzo 1815 quando la Commissione Napoleone II si separò il 7 luglio 1815. Considerato dapprima una continuazione della Prima Repubblica, prima di assumere il nome ufficiale di "Impero francese" nel 1809, segue il Consolato , è interrotto dalla Prima Restaurazione prima del ripristino della sua autorità durante i Cento Giorni, ed è seguito dalla Seconda Restaurazione. Il Primo Impero si distingue dagli altri regimi politici nella storia della Francia prima per la sua originalità (inaugura un sistema politico senza precedenti in Francia, l'Impero), poi per la sua belligeranza (le guerre napoleoniche videro la Francia confrontarsi successivamente con cinque coalizioni dal 1805 al 1815). Questi conflitti permisero a Napoleone di conquistare la maggior parte dell'Europa continentale, escludendo la Scandinavia ei Balcani. Raggiunta la sua massima estensione continentale (860.000 km2 annessi), la Francia contava allora 135 dipartimenti, città come Roma, Amburgo, Barcellona, ​​Amsterdam o Ragusa diventando capoluoghi di dipartimenti francesi. Incarnati da numerose e spettacolari vittorie militari (Austerlitz, Jena, Auerstadt, Eylau, Friedland, Wagram), questi successi continentali arrivano a prezzo di pesanti perdite di uomini (800.000 uomini da parte francese) e di un declino del piano coloniale, portando alla scomparsa del Primo impero coloniale francese, alla vendita della Louisiana nel 1803 oltre alla conquista di alcune colonie delle Indie Occidentali da parte del Regno Unito, nemico della Rivoluzione e padrone dei mari. I ricorrenti fallimenti francesi nella conquista delle Isole Britanniche (spedizioni irlandesi, campagna di Trafalgar) lasciarono infatti agli inglesi il finanziamento delle successive coalizioni che portarono alla fine delle armate imperiali nel 1814, dopo la svolta decisiva nella campagna di Russia, una strategica fallimento, dal quale la Grande Armata non si riprenderà. È il primo di due imperi francesi istituiti a beneficio della dinastia dei Bonaparte. L'Impero iniziò il 18 maggio 1804, quando il senatus-consulte proclamò Napoleone Bonaparte "Imperatore dei Francesi". Il plebiscito del 6 novembre 1804 conferma questa designazione. Il Primo Impero terminò il 6 aprile 1814 (abdicazione di Napoleone a Fontainebleau, dopo la sua decadenza pronunciata a Parigi il 2 aprile dal Senato, e partenza il 20 aprile per l'isola d'Elba). Segue la Restaurazione dei Borboni, interrotta dall'episodio dei Cento Giorni dal 20 marzo al 7 luglio 1815.

Avvento

Contesto

Nel 1799, in seguito al colpo di Stato del 18 Brumaio, Napoleone Bonaparte fu nominato Primo Console. Tre anni dopo, mentre il Paese sta tornando a una certa prosperità, regna la pace interna e la minaccia esterna sembra essersi attenuata dopo la firma della Pace di Amiens, il Secondo Console Cambacérès sollecita il Tribunato a dare a Bonaparte "un fulgido pegno di riconoscimento nazionale”. Ciò portò alla proclamazione plebiscitaria del consolato a vita il 2 agosto 1802. Per molti Napoleone appariva allora già «come un re che aveva solo bisogno di una corona». La marcia verso l'Impero fu accelerata dalla scoperta del complotto monarchico di Cadoudal all'inizio del 1804, che portò in particolare all'arresto del generale Moreau come complice e all'esecuzione del duca di Enghien. Dietro le quinte, l'entourage di Bonaparte è attivo per consolidare ulteriormente il suo potere concedendogli l'eredità. L'ex ministro della polizia, Joseph Fouché, ha lavorato in questa direzione al Senato, tanto che il 27 marzo questa assemblea ha invitato Napoleone a "completare il suo lavoro.