Preferenza manuale

Article

August 11, 2022

La preferenza manuale o manualità consiste nella tendenza ad utilizzare preferenzialmente una delle due mani durante la maggior parte delle attività motorie fini e durante la presa quotidiana. Questa è la terminologia scientifica e medica corrispondente ai consueti termini di "destro", "mancino", "ambidestro" (persona che usa indifferentemente l'una o l'altra mano per tutte le attività e che è anche abile con una mano rispetto all'altra) o "ambimane" (persona che svolge determinate attività con la mano sinistra e altre con la mano destra). L'uso preferenziale di una mano è una delle manifestazioni di lateralizzazione nelle capacità motorie. Questa è una fase importante nello sviluppo del bambino. L'istituzione della cosiddetta mano preferenziale dominante è un indicatore della specializzazione degli emisferi cerebrali e della maturazione del corpo calloso durante lo sviluppo neurologico. Queste trasformazioni portano all'instaurazione del predominio di un emisfero cerebrale per determinate funzioni cognitive. Pertanto, per il 90% della popolazione umana, la mano destra è preferita per i gesti fini con un emisfero sinistro dominante per il linguaggio, ma il legame tra dominanza manuale e dominanza emisferica non è sempre così evidente ed è ancora l'argomento di ricerca al momento. Bisogna distinguere due concetti: la preferenza per l'utilizzo di un lato del corpo, ma associato a un organo o a una funzione (ad esempio, pochi mancini manuali sono anche mancini; dal 6 al 9% secondo Stambak, Monod e Ajuriaguerra, 1961, citato da Dailly ). "La scelta della mano destra può anche variare con il compito da svolgere." il predominio (innato o acquisito) delle prestazioni di un emicorpo a livello motorio e sensoriale (arti superiori, arti inferiori, vista e udito).

Preferenza manuale in base allo sviluppo del bambino

La preferenza della mano si evolve in base all'età e alle fasi di sviluppo nei bambini per stabilizzarsi intorno all'età di 4-6 anni. Nei giovani umani e in alcune specie di scimmie, nel neonato si sviluppa rapidamente la preferenza per un emicorpo, che favorisce l'orientamento di determinati movimenti (esempio: girare la testa più spesso a destra), ma il bambino non mostra preferenza nel uso delle sue mani. La differenza di prestazioni tra il lato sinistro e il lato destro può essere vista anche nelle prime settimane di un bambino. Sebbene sia possibile osservare queste preferenze e asimmetrie prestazionali tra gli emicorpi in tenera età, nulla è definitivo. La preferenza per un emicorpo può ancora cambiare durante lo sviluppo. Lo sviluppo della lateralità segue una traiettoria non lineare. È influenzato da diversi elementi, tra cui la cultura, il background genetico e forse il dominio del cervello. È un fenomeno dinamico. D'altra parte, intorno ai 10-12 mesi, il bambino inizia a mostrare segni di preferenza per l'uso di una delle sue due mani durante la manipolazione degli oggetti. Così, con la maturazione cerebrale, oltre all'acquisizione delle esperienze motorie e alla ripetizione dei movimenti, la preferenza manuale diventa sempre più precisa intorno ai 2 anni, anche se persistono alcune fluttuazioni nell'uso preferenziale. Il predominio delle prestazioni tra i due emicorpi inizia a essere osservato intorno ai 3 anni di età. È all'età di 4-5 anni che è possibile osservare veramente la preferenza manuale nel bambino, quando usa la sua mano dominante nelle sue attività motorie fini come la manipolazione di oggetti, la scrittura