Parlamento nazionale (Papua Nuova Guinea)

Article

August 15, 2022

Il Parlamento nazionale è la legislatura unicamerale della Papua Nuova Guinea.

Posizione e costruzione

La sede del Parlamento si trova a Waigani, un sobborgo di Port Moresby, la capitale, nel National Capital District. L'edificio è concepito per evocare un uccello dall'aria, e la sua architettura più in generale si ispira alle haus tambaran, le “case degli spiriti” degli uomini della regione intorno al fiume Sepik, nel nord-ovest del paese . Altre forme si ispirano all'architettura tradizionale delle Highlands. La facciata principale è riccamente decorata con motivi culturali.

Funzioni e poteri

Il Parlamento è istituito dall'articolo 100 della Costituzione, entrato in vigore dopo l'indipendenza nel 1975. Poiché la Papua Nuova Guinea è un regno del Commonwealth, le cui istituzioni sono basate sul sistema di Westminster, i ministri - incluso il Primo Ministro - possono essere scelti solo tra i parlamentari. Il Primo Ministro è scelto dal Parlamento, quindi sceglie i suoi ministri; il governo composto da ministri è responsabile davanti al Parlamento, che può revocarlo con una mozione di censura. (s.141-142) Specificità della Papua Nuova Guinea, è il Parlamento, e non il Primo Ministro, a scegliere il Governatore Generale. La Regina nomina quest'ultimo in applicazione della scelta dei deputati. (art.88)

Sistema elettorale

Attuale

Il Parlamento nazionale è composto da 118 seggi occupati per cinque anni da votazioni istantanee al secondo turno in altrettante circoscrizioni elettorali uninominali. In ciascuno di essi, gli elettori classificano tre candidati in ordine di preferenza. Viene quindi eletto il candidato che ottiene la maggioranza assoluta delle prime preferenze. In caso contrario, il candidato arrivato ultimo viene eliminato e le seconde preferenze dei suoi elettori vengono distribuite agli altri candidati. L'operazione viene ripetuta fino a quando un candidato non ottiene la maggioranza assoluta cumulativa. L'elettore è tenuto a scegliere né più né meno di tre candidati, ea classificarli in ordine di preferenza sulla propria scheda: quelli con meno o più di tre preferenze sono considerati nulli. Se ci sono solo tre candidati nel suo collegio, deve classificarne almeno due. Se i candidati sono solo due, deve indicare almeno quello che ha la preferenza. Dei 118 seggi, 96 sono occupati in collegi “ordinari” che coprono il paese, mentre i restanti 22 seggi sono occupati in collegi provinciali che coprono i primi seguendo i confini delle 22 province. In quest'ultimo, il vincitore diventa anche il governatore della provincia interessata. I candidati devono avere almeno 25 anni di età e aver risieduto nel loro collegio elettorale per almeno due anni al momento dell'elezione, o almeno cinque anni nella loro vita. Il numero dei seggi ordinari varia a seconda della popolazione del paese. Si trattava quindi di 89 seggi nel 2017, rispetto ai 96 del 2022. Il Parlamento può nominare anche fino a tre membri aggiuntivi con voto favorevole a maggioranza qualificata dei due terzi dei deputati eletti. Tuttavia, questa disposizione è raramente applicata. Dopo le elezioni, i nuovi deputati rinnovano la fiducia al Presidente del Consiglio uscente, oppure ne scelgono uno nuovo. Il mandato di una legislatura è di cinque anni, salvo elezioni anticipate decise dal Parlamento stesso. (s.105). L'assemblea è presieduta da un presidente, un deputato eletto a questo ufficio dai suoi pari. (s.107). L'attuale Presidente dell'Assemblea, dopo le elezioni legislative del 2017, è Job Pomat.

Vecchio sistema

La Papua Nuova Guinea ha originariamente adottato il sistema elettorale britannico.