Papua Nuova Guinea

Article

August 15, 2022

La Papua Nuova Guinea, il lungo stato indipendente della Papua Nuova Guinea, è un paese dell'Oceania che occupa principalmente la metà orientale dell'isola della Nuova Guinea con una superficie di 462.840 km2 (l'altra metà, la Nuova Guinea occidentale, essendo sotto la sovranità indonesiana). Si trova nella vicina Oceania, nell'Oceano Pacifico sudoccidentale, a nord dell'Australia e ad ovest delle Isole Salomone.

Etimologia

Il nome del paese deriva da "papou", parola che, secondo il naturalista Alfred Wallace, deriva dal malese puwah-puwah o papuwah che significa "crespo". L'etnologo francese Christian Pelras, specialista nel sud dell'isola di Celebes, scrive che le mappe redatte nel XVIII secolo dai Bugis menzionano il nome “Papua” per designare la Nuova Guinea. Nuova Guinea è il nome dato da un esploratore spagnolo nel XVI secolo, per la somiglianza che trova negli abitanti con la popolazione della Guinea Equatoriale in Africa. Il paese ha ottenuto l'indipendenza in 1975 ed è membro del Commonwealth delle Nazioni.

Storia

I primi abitanti, antenati dei papuani, si stabilirono in Nuova Guinea e nelle isole vicine circa 50.000 anni fa. Circa 3.500 anni fa, i migranti austronesiani raggiunsero la Nuova Guinea orientale e si unirono alle popolazioni di Papua sulla costa settentrionale e nelle isole Bismarck. Nel 1884, il nord dell'attuale Papua Nuova Guinea fu annessa all'Impero coloniale tedesco, quindi il sud fu fatto protettorato dell'Impero britannico nello stesso anno. Il territorio passa interamente sotto la sovranità britannica dopo la prima guerra mondiale, ed è affidato all'Australia. La Papua Nuova Guinea ottenne pacificamente la sua indipendenza e divenne membro del Commonwealth delle Nazioni, nel 1975. Il Paese ha vissuto conflitti di confine con l'Indonesia e movimenti secessionisti, come quello dell'isola di Bougainville (1989-2001) dove si dice che i guerriglieri abbiano ucciso quasi 20.000 persone e dove, nel novembre 2019, si è svolto un referendum sull'indipendenza . 176.928 elettori hanno votato a favore dell'indipendenza, ovvero più del 98% dei voti espressi.

Politica

La Papua Nuova Guinea è un Regno del Commonwealth, e quindi una democrazia parlamentare. La regina Elisabetta II è simbolicamente il suo capo di stato. È rappresentato da un Governatore Generale. Il potere esecutivo è affidato al Primo Ministro, che guida il gabinetto. Il Parlamento unicamerale ha centoundici seggi, ventidue dei quali sono occupati dai governatori delle ventidue province. I parlamentari vengono eletti ogni cinque anni. Le elezioni attirano un gran numero di candidati; molti membri del parlamento vengono eletti con meno del 10% dei voti. Dagli anni '60, le tensioni separatiste sull'isola di Bougainville hanno opposto gli isolani al potere centrale. Questo conflitto ha portato a violenti scontri negli anni '80, il fallimento della strategia di vessazione giudiziaria dei proprietari terrieri dell'isola (che ospita la miniera di rame di Panguna, oggi in disuso) portando ad una radicalizzazione del conflitto, con la creazione nel 1988 del Esercito Rivoluzionario di Bougainville. Nel maggio 2012, il parlamento nazionale della Papua Nuova Guinea ha eletto Peter O'Neill mentre l'allora primo ministro era a Singapore per un intervento al cuore. Il Primo Ministro de facto è a capo della polizia e dell'esercito ed esercita il potere anche se la Corte Suprema ha dichiarato illegale l'esercizio del potere di quest'ultimo. Questa controversia è stata risolta solo dalle elezioni legislative del 2012 che hanno confermato Peter O'Neill nella sua autorità.

Suddivisioni

La Papua Nuova Guinea era divisa in venti divisioni principali (divise in quattro regioni) originariamente create come dis