Movimento volontario

Article

August 17, 2022

La motricità volontaria è fornita da un fascio, cioè un insieme di fibre nervose situate all'interno del sistema nervoso centrale. Questo fascio, chiamato fascio piramidale o corticospinale, ha origine dall'area 4 (classificazione delle aree cerebrali di Brodmann secondo criteri istologici). Quest'area, detta anche area prefrontale (perché nel lobo frontale davanti al solco primario di Rolando), è costituita dai corpi cellulari delle cellule piramidali i cui assoni (estensioni neurali) parteciperanno alla formazione di detto fascio piramidale. Gli assoni formano originariamente la corona radiata, quindi le fibre si attorcigliano per passare nella capsula interna, uno spazio di sostanza bianca situato tra il talamo e il nucleo lenticolare. Sotto la capsula, le fibre entrano nel tronco cerebrale, a livello del mesencefalo e più precisamente nei peduncoli cerebrali. A livello del midollo allungato, l'80% delle fibre attraversa la linea mediana per raggiungere il lato controlaterale, formeranno il fascio corticospinale incrociato nella parte posteriore del midollo laterale del midollo spinale. Questo spiega perché raggiungere un'area 4 porta a disturbi nell'emicorpo controlaterale. Per inciso, sono descritte fibre che non si incrociano nel bulbo ma scendono dallo stesso lato a formare il fascio cortico-spinale diretto nel midollo spinale, a contatto con la fessura ventrale, nel midollo anteriore. Queste fibre finiscono per articolarsi per connessione sinaptica con i corpi cellulari dei motoneuroni situati nel corno anteriore omolaterale per il fascio incrociato, controlaterale per il fascio diretto (c'è quindi un incrocio nel midollo spinale). È possibile una compromissione motoria volontaria, sia dell'area prefrontale che del fascio piramidale, ed è quindi responsabile di una sindrome piramidale. Si può citare tra le cause ad esempio un CVA di un'arteria prefrontale. Questa sindrome piramidale porta quindi, tra l'altro, ad una diminuzione della forza muscolare. Portale delle neuroscienze Portale della medicina