Marcel Cerdan

Article

July 3, 2022

Marcel Cerdan è un pugile francese nato il 22 luglio 1916 a Sidi Bel Abbès in Algeria e morto il 28 ottobre 1949 in un incidente aereo nell'arcipelago delle Azzorre. Sotto l'impulso di suo padre, Marcel Cerdan ha iniziato a boxare su un ring installato nel mezzo della sala da ballo del caffè di famiglia a Casablanca, in Marocco. Diventato pugile professionista nel 1933, fece i suoi primi incontri a pagamento in Nord Africa dove si fece un nome. Soprannominato "il bombardiere marocchino" o "l'uomo dalle mani di argilla", il suo talento gli ha permesso di essere portato in Francia nel 1938 dove è diventato tre volte campione di Francia e poi campione europeo nelle categorie dei pesi medi. Cerdan è anche un talentuoso calciatore, selezionato per la squadra nazionale marocchina. Lo scoppio della seconda guerra mondiale ne sospese l'ascesa. Tornato sui ring nel gennaio 1941 dopo un'assenza di diciotto mesi, Marcel Cerdan conquistò nuovamente il titolo europeo dei pesi welter, moltiplicò le lotte ei successi. Risalito da una categoria dei pesi medi, ha vinto i titoli di campione di Francia, Europa e del mondo tra il 1946 e il 1948. Vittorioso negli anelli americani, il suo successo per knockout tecnico contro Tony Zale al Roosevelt Stadium gli ha offerto un benvenuto eroe nazionale al suo ritorno per la Francia. Compagno di Edith Piaf, la sua notorietà va oltre il quadro sportivo e lo vede girare in diverse opere cinematografiche. Cerdan morì tragicamente all'apice della fama nell'incidente aereo Parigi-New York nella notte dal 27 al 28 ottobre 1949.

Biografia

Gioventù

Marcellin Cerdan è nato il 22 luglio 1916 alle 21:00 nel quartiere “Petit Paris” di Sidi Bel Abbès in Algeria ,,,. È il quarto e ultimo maschio di Antonio Cerdán (1880-1946) e Assumption Cascales (1886-1934), che due anni dopo avrà anche una figlia. I suoi tre fratelli maggiori si chiamano Vincent, Antoine, Armand, sua sorella minore Clotilde,. Entrambi i genitori sono di origine spagnola: suo padre è di Valencia e sua madre è nata a Sidi Bel Abbès da genitori, Pedro Cascales e María Amorós, del villaggio di Abanilla, vicino a Murcia. Le due famiglie emigrarono attraverso il Mar Mediterraneo nell'Africa settentrionale nel XIX secolo, attratte dalla promessa di una vita migliore. Quando Marcellin è nato, suo padre lavorava come bracciante e sua madre non aveva professione. All'inizio degli anni '20 Antonio dimostrò un disastroso senso degli affari alla guida di una macelleria che aveva rilevato dal cognato che si era trasferito a Casablanca. La famiglia vive in estrema povertà. Una mattina del 1921, un cugino del padre di famiglia lo visitò e lo lodò per lo sviluppo economico di Casablanca sotto la guida del generale Hubert Lyautey. L'anno successivo, Antonio Cerdán decise di seguire il suo consiglio e di insediare la sua famiglia in Marocco, allora sotto il protettorato francese. La famiglia attraversa Oujda, Fez, Meknes e Rabat fino a Casablanca appollaiata su un furgone. Si trasferì a Mers Sultan in una zona disagiata chiamata "Cuba" dove furono costruite caserme vicino al mare. Antonio Cerdán acquistò un caffè-ball lì dove organizzava mostre di boxe con i suoi figli ogni giovedì. Il giovane Marcellin, un bambino gracile, ha preso parte al suo primo incontro di boxe all'età di otto anni. A dieci anni ha inscatolato al cinema Majestic, come i suoi fratelli, e ha costretto il suo giovane avversario a rifugiarsi dietro l'arbitro, conquistando come vittoria un paio di scarpe da ginnastica e la tavoletta di cioccolato ancora promessa ai vinti. Tutta la sua famiglia e i suoi amici lo soprannominarono poi Marcelino. Impara l'arabo e lo spagnolo ma non ama la scuola ed è coinvolto nelle partite di calcio giocate nella polvere del distretto di Maârif. Bambino di strada, Marcelino vive di rendita