Medicinale

Article

August 15, 2022

La medicina (dal latino: medicina, che significa "arte di guarire, rimedio, pozione"), nel senso di pratica (arte), è la scienza che testimonia l'organizzazione del corpo umano (anatomia umana), il suo normale funzionamento (fisiologia ), e cercando di mantenere la salute (sia fisica che mentale) attraverso la prevenzione (profilassi) e il trattamento (terapia) delle malattie. Questa medicina umana è complementare e sinergica con la medicina veterinaria. La medicina contemporanea utilizza l'esame clinico, l'assistenza sanitaria, la ricerca e le tecnologie biomediche per diagnosticare e curare lesioni e malattie, di solito attraverso la prescrizione di farmaci, interventi chirurgici o altre forme di terapia.

Storia

Preistoria e antichità

Non ci sono abbastanza dati affidabili per determinare l'inizio dell'uso delle piante per scopi medicinali (fitoterapia). I dati medici nel papiro Edwin Smith possono essere datati al 30 ° secolo aC. I primi esempi conosciuti di interventi chirurgici furono eseguiti in Egitto intorno al XXVIII secolo a.C. AD (vedi chirurgia). Imhotep nella terza dinastia è talvolta considerato il fondatore della medicina nell'antico Egitto e l'autore originale del papiro di Edwin Smith che elenca farmaci, malattie e osservazioni anatomiche. Il papiro ginecologico di Kahun si occupa delle malattie delle donne e dei problemi del concepimento. Trentaquattro osservazioni dettagliate ci sono pervenute con diagnosi e trattamento, alcune delle quali frammentarie. Risalente al 1800 a.C. dC, è il testo medico più antico, tutte le categorie messe insieme. È noto che gli stabilimenti medici, noti con l'espressione Case della vita, furono fondati nell'antico Egitto già dalla prima dinastia. I più antichi testi babilonesi sulla medicina risalgono all'epoca dell'antico impero babilonese nella prima metà del II millennio a.C. Tuttavia, il testo babilonese più completo nel campo della medicina è il Manuale diagnostico scritto da Esagil-kin-apli, medico di Borsippa, durante il regno del re babilonese Adad-ALPA-iddina (1069-1046 aC). Ippocrate, è considerato il padre fondatore della medicina moderna e razionale, ei suoi seguaci furono i primi a descrivere molte malattie. A lui è attribuita la prima descrizione delle dita a bacchetta, un segno importante per la diagnosi di broncopneumopatia cronica ostruttiva, cancro ai polmoni e cardiopatia cianogena congenita. Per questo motivo, il sintomo delle dita delle bacchette viene talvolta definito ippocratismo digitale. Ippocrate fu anche il primo medico a descrivere il volto ippocratico. Shakespeare allude notoriamente a questa descrizione nel suo resoconto della morte di Falstaff in Enrico V, atto II, scena III. Il Corpus Ippocratico rende popolare la teoria degli umori. Tuttavia, durante tutta l'antichità, la medicina razionale greca e latina coesisteva con i culti degli dei guaritori.

Medioevo

La medicina praticata e insegnata in Occidente affonda le sue radici nelle conoscenze acquisite e nei protocolli dall'antichità al I millennio a.C. d.C. dall'Oriente all'Impero Romano Provengono dalla Torah, sorprendentemente razionali in materia, perché tengono conto delle condizioni climatiche. Infatti, i cinque libri di Mosè che lo costituiscono, contengono varie "leggi" che hanno conseguenze dirette sulla salute attraverso vari rituali, come l'isolamento delle persone infette (Levitico 13, 45-46), il lavaggio delle mani. maneggiare un cadavere (Libro dei Numeri 19: 11-19) e seppellire gli escrementi fuori dal campo (Deuterone