legge d'oro

Article

May 24, 2022

La Legge d'Oro (Legge Imperiale n. 3353), firmata il 13 maggio 1888, era la legge che aboliva la schiavitù in Brasile. Fu preceduta dalla legge n. 2040 (Legge del ventre libero) del 28 settembre 1871, che liberava tutti i bambini nati da genitori schiavi, e dalla legge n. 3270 (Legge Saraiva-Cotejipe (pt) o Legge degli anni Sessanta) , del 28 settembre 1885, che regolava "la progressiva estinzione dell'elemento servile". Fu firmato da Isabella di Braganza, Principessa Imperiale del Brasile, e dall'allora Ministro dell'Agricoltura, il Consigliere Rodrigo Augusto da Silva (pt). Il consigliere Rodrigo Silva faceva parte del gabinetto ministeriale presieduto da João Alfredo Correia de Oliveira (pt), del Partito conservatore (pt) e denominato "Gabinetto del 10 marzo". Dona Isabel ha firmato la Legge d'Oro nella sua terza e ultima reggenza, mentre l'imperatore Dom Pedro II del Brasile era in viaggio all'estero. Il disegno di legge che aboliva la schiavitù in Brasile fu presentato alla Camera Generale (l'attuale Camera dei Deputati), dal ministro Rodrigo Augusto da Silva (pt) l'8 maggio 1888. Fu votato e approvato lì il 9 maggio e il 10 maggio, 1888. La legge era composta da due soli commi: Dalla data di questa legge, la schiavitù è abolita in Brasile. Ogni disposizione contraria è abrogata.La Legge d'Oro è stata solennemente presentata al Senato Imperiale dal Ministro Rodrigo A. Da Silva l'11 maggio. Se ne è discusso nelle sessioni dell'11, 12 e 13 maggio. Votato e approvato in prima votazione il 12 maggio, fu votato e approvato definitivamente poco prima dell'una del 13 maggio 1888 e, lo stesso giorno, presentato alla firma della Principessa Reggente. Fu firmato a Palazzo Imperiale da Dona Isabel e dal ministro Rodrigo Augusto Da Silva alle tre dello stesso giorno. Il processo di abolizione della schiavitù in Brasile era stato graduale ed era iniziato con la legge Eusébio de Queirós del 1850, seguita dalla legge sulla pancia libera del 1871, la legge degli anni Sessanta del 1885 prima di concludersi con la legge dell'oro nel 1888. Il Brasile è stato l'ultimo paese indipendente del continente americano ad abolire la schiavitù. L'ultimo paese al mondo a farlo è stata la Mauritania che ha atteso il 9 novembre 1981 e il decreto n. 81234.

Note e riferimenti

(pt) Questo articolo è parzialmente o totalmente tratto dall'articolo di Wikipedia in portoghese intitolato “Lei Áurea” (vedi l'elenco degli autori).

Vedi anche

Articoli correlati

Abolizione della schiavitù Abolizione della schiavitù in Brasile Portale della schiavitù Portale del Brasile Portale della legge