Loi Eusebio de Queiros

Article

June 30, 2022

La legge Eusébio de Queirós è un atto legislativo brasiliano del Secondo Regno, che proibiva la tratta degli schiavi attraverso l'Atlantico. Fu promulgata il 4 settembre 1850, principalmente a causa delle pressioni dell'Inghilterra, materializzate dall'applicazione unilaterale da parte di questo paese di quello che viene chiamato "Bill Aberdeen". In queste condizioni, il Partito conservatore, allora al potere in Brasile, venne a difendere davanti al parlamento la fine della tratta degli schiavi. A capo di questo movimento c'era il ministro Eusébio de Queirós, che ha insistito sulla necessità che il paese prendesse la decisione di porre fine alla tratta degli schiavi da solo, al fine di preservare la sua immagine di nazione sovrana. La legge non ha prodotto effetti immediati nella struttura del sistema economico brasiliano. Il traffico illegale è aumentato notevolmente nel periodo successivo alla legge e, di fatto, ciò ha comportato un aumento del numero di africani che entrano in Brasile. Quando la situazione si fece più delicata, fu il commercio interno che aumentò e si concentrò in quelle che allora erano le Province di Rio de Janeiro e São Paulo, poiché queste erano le zone più produttive per le piantagioni di caffè. Non ci volle molto perché l'Inghilterra facesse pressioni sul Brasile per porre fine alla tratta interna degli schiavi, finché non fu definitivamente adottata la soluzione del ricorso ai salariati. Allo stesso tempo, la crescita demografica in Europa, entrata allora nella seconda fase della Rivoluzione Industriale, e i conflitti che accompagnarono i processi di unificazione in Italia e Germania, portarono ad un aumento dell'emigrazione, portando il Brasile a cercare di deviare in parte di questo flusso come soluzione alternativa per sostituire la manodopera agricola. All'inizio c'erano alcuni problemi, il principale era che i grandi proprietari terrieri erano abituati al sistema degli schiavi, il che creava problemi per gli immigrati, che in pratica erano soggetti a un regime vicino alla schiavitù. In questa situazione, paesi come la Germania sono arrivati ​​​​a vietare l'emigrazione in Brasile. Per aggirare questa difficoltà, il Brasile adottò un sistema di immigrazione sovvenzionata e iniziò a finanziare l'arrivo e le prime spese degli immigrati.

Collegamenti esterni

Eusébio de Queirós su infoescola.com

Note e riferimenti

(pt) Questo articolo è parzialmente o totalmente tratto dall'articolo di Wikipedia in portoghese intitolato “Lei Eusébio de Queirós” (vedi l'elenco degli autori). Portale del Brasile Portale della legge Portale della schiavitù