Libbra (unità di massa)

Article

June 27, 2022

La sterlina è un'unità di massa, divisa in once, che è caduta in disuso in molti paesi dall'adozione del sistema metrico da parte loro. La sterlina comunemente usata in questi giorni è la sterlina inglese, che è esattamente 453.592 grammi, o la libbra metrica, che è mezzo chilogrammo (esattamente 500 grammi).

Unità romana

La sterlina romana (libra) valeva 324 g ed era divisa in 12 once da 27 g. Oltre a 12 once, la libbra potrebbe essere divisa in 24 mezze once o 36 duali, 48 siciliane, 72 sestuli, 96 dracme, 288 scrupoli, 576 oboli, 6.912 grani. È importante notare che nei rapporti dei pesi di Atene, Roma e Francia, le once sono diverse, sebbene abbiano le stesse divisioni di peso, e cioè: l'oncia romana in otto dracme, la dracma in tre scrupoli, lo scrupolo in ventiquattro grani. Un'altra unità romana, la miniera (mina) valeva 432 ge era divisa in 16 once (quattro terzi di una libbra romana).

Unità del Sacro Romano Impero

Tutte le riforme dei pesi del Medioevo avevano la loro origine nelle Zecche e avevano lo scopo di regolare la dimensione delle nuove monete. È in seguito che i nuovi pesi delle Zecche diventano utili contemporaneamente ai pesi preesistenti. Queste grandi riforme erano due. La prima, quella di Carlo Magno, mirava all'unificazione generale di denaro, pesi e misure. La seconda, iniziata verso la fine dell'XI secolo, aveva uno scopo diverso, quello di stabilire il prezzo, o meglio, la quantità di argento fino contenuta in ciascuna specie comune e nello stesso tempo il peso specifico di tutti i marchi in uso. , che, a questo scopo, furono, per la prima volta, chiamati con il loro nome originario. È per questo motivo che tra i diversi pesi in uso a quel tempo troviamo anche il peso di Carlo Magno. Il sistema di pesi adottato da Carlo Magno consisteva in pesi in bronzo recanti la legenda: CAROLI PONDVS, ovvero: "peso di Carlo Magno". Questa unità era l'oncia romana del peso vero e giusto (nessuna unità di peso poteva essere adottata da Carlo Magno se non quella dell'Impero di cui si era fatto coronare e proclamare imperatore), del peso secondo lo standard meglio conservato, circa 27.425 grammi . Con questa unità c'erano diversi multipli, vale a dire: La libbra romana di 12 once, peso della libbra stessa e di cui Carlo Magno ne generalizzò l'uso. Questa libbra si è avvicinata molto al peso effettivo di 329,10 grammi. In una libbra d'argento di questo peso furono tagliati 180 denari di nuovo peso. Il nuovo denaro avrebbe dovuto avere un peso legale di 1.828 grammi. La nuova sterlina Carlo Magno, sterlina vera e propria, divisa in 20 nuovi penny e del peso di 16 once romane, o 434,80 grammi. Da una quantità d'argento equivalente a questo peso furono tagliati 240 nuovi denari. Da questo peso, utilizzato per la prima volta nelle zecche per la dimensione dei nuovi denari d'argento, ha origine il peso in libbra di 16 once, che era ampiamente utilizzato alla fine dell'XI secolo (edizione Lorena, Nancy 1738-1742), note che il diritto di dare o di aver dato pesi e misure dovrebbe appartenere solo al Re, ma che questo diritto spetta ancora ai Lord justiciers (ma ciò è solo in conseguenza dell'usurpazione che fecero anticamente di molti diritti simili nel possesso di cui sono rimasti).

Unità francese

Nel medioevo il suo valore in Francia variava a seconda delle province tra 380 ge 552 g. In particolare bisognava distinguere tra la libbra di peso, divisa in 12 once (cfr libra), usata in medicina, e la libbra di peso di vinaccia (1 marc 8 once) che valeva 2 marce, ovvero 16 once (cfr. mina), usato dai mercanti. 1 oncia valeva 8 gros e ogni gros valeva