Olimpiadi estive 2000

Article

August 11, 2022

Le Olimpiadi estive del 2000, giochi della XXVII Olimpiade dell'era moderna, si sono svolte a Sydney (Nuovo Galles del Sud, Australia) dal 15 settembre al 1 ottobre 2000. Questi ultimi giochi del millennio sono i secondi che si terranno in Australia quaranta -quattro anni dopo Melbourne nel 1956. Il comitato organizzatore (SOCOG) è composto da 2.500 persone ed è assistito da 50.000 volontari. I concorsi sono distribuiti su 36 siti. La maggior parte degli eventi, così come il Villaggio degli Atleti, sono concentrati nel Parco Olimpico di Homebush Bay, vicino al centro di Sydney. 199 nazioni e 10.651 atleti (di cui 4.069 donne) partecipano a 300 eventi in 28 sport, tra cui taekwondo e triathlon, che fanno la loro prima apparizione ufficiale nel programma olimpico. Con le sue cinque medaglie ottenute, la velocista americana Marion Jones è stata a lungo considerata l'eroina di questi giochi, prima che scoppiasse lo scandalo del doping legato al laboratorio Balco. Dopo aver confessato di aver assunto sostanze vietate alla fine del 2007, è stata costretta a restituire al CIO le sue medaglie ottenute a Sydney. Come tutti i Giochi Olimpici organizzati nell'emisfero australe (ad eccezione di quelli di Melbourne), il nome non corrisponde alla stagione in corso. Pertanto, le Olimpiadi estive di Sydney si sono svolte effettivamente alla fine dell'inverno meridionale e all'inizio della primavera.

Elezione città ospitante

L'Australia non ospitava questo evento dalle Olimpiadi estive del 1956 a Melbourne, le città di Brisbane e Melbourne furono sconfitte alle elezioni per i giochi estivi del 1992 e del 1996. Nel 1989, la città di Sydney e il governo del New South Wales ottengono il sostegno del Comitato Olimpico Australiano con la candidatura dei giochi dell'anno 2000. Da subito Sydney ottiene ampio sostegno da parte della popolazione, delle imprese e dei media locali. Il 23 settembre 1993, durante la sua 101a sessione tenutasi a Monaco, il Comitato Olimpico Internazionale decise di affidare a Sydney l'organizzazione degli ultimi Giochi Olimpici del Millennio. Dopo una presentazione di 30 minuti da parte di ciascun candidato, i membri del CIO scelgono la città australiana dopo il 4° scrutinio. Sydney è davanti alla città di Pechino di soli due voti. Le altre finaliste Manchester, Berlino e Istanbul sono state eliminate nei turni precedenti. Altre due città si sono ritirate durante la procedura di gara: Milano e Brasilia.

Organizzazione

Emblemi

Il logo dei Giochi di Sydney raffigura un atleta con simboli e colori associati ai paesaggi australiani. Le gambe, formate da un boomerang, sono rosse come la terra nell'interno del paese. Le braccia e la testa sono di colore giallo come il sole. La silhouette porta una torcia olimpica che emette un lampo blu che evoca le spiagge e il porto di Sydney. La torcia olimpica si ispira alla Sydney Opera House e alle acque blu dell'Oceano Pacifico. Si compone di tre strati che simboleggiano la terra, il fuoco e l'acqua. Come nei giochi precedenti, la medaglia olimpica raffigura la dea della vittoria che brandisce la corona di un vincitore. Sul retro si trovano la Sydney Opera House, la torcia e gli anelli olimpici. Le tre mascotte ufficiali utilizzano i simboli dell'Olimpismo e del Paese organizzatore. Olly (abbreviazione di Olympic) è un kookaburra che rappresenta la generosità e l'universalità, simboli dell'Olimpismo. Syd (abbreviazione di Sydney) l'ornitorinco mette in evidenza l'ambiente e l'energia del popolo australiano. Millie (abbreviazione di millennium) è un'echidna che rappresenta la tecnologia dell'anno 2000.

Luoghi olimpici

Il Parco Olimpico Il Sydney Olympic Park o Sydney Olympic Park, situato a Homebush Bay vicino al centro della città