Giacomo Marape

Article

August 10, 2022

James Marape, nato il 24 aprile 1971, è un politico della Papua Nuova Guinea, primo ministro dal 30 maggio 2019.

Biografia

Studi

Viene dal popolo Huli, una popolazione papuana delle Highlands della Nuova Guinea. Dopo aver frequentato una scuola avventista nelle Highlands orientali, ha conseguito un Bachelor of Arts presso l'Università della Papua Nuova Guinea nel 1993. Ha poi conseguito una laurea con lode in Scienze ambientali in questa stessa università nel 2000.

Carriera politica

Inizio

Ha svolto la sua prima carriera nella pubblica amministrazione, nel dipartimento risorse umane del governo, dal 2001 al 2006. Nelle elezioni legislative del 2007 è stato eletto per la prima volta deputato per il collegio di Tari-Pori (nelle Terre del Sud) , e siede nel Parlamento nazionale sotto il Partito dell'Alleanza Nazionale, il partito del Primo Ministro Sir Michael Somare. Nel dicembre 2008 è stato nominato Ministro dell'Istruzione nel governo di quest'ultimo. Nell'agosto 2011, Michael Somare, ricoverato in ospedale per diversi mesi, è stato licenziato per assenteismo dal presidente del Parlamento, Jeffrey Nape. Il suo governo viene sciolto e il Parlamento elegge Peter O'Neill a guidare un nuovo governo. James Marape si è poi seduto per un certo periodo nell'opposizione, prima di lasciare il National Alliance Party nel febbraio 2012 e unirsi al partito del People's National Congress (CNP) di Peter O'Neill. È stato sotto questa etichetta che è stato poi rieletto deputato per Tari-Pori alle elezioni legislative del 2012. Nell'agosto 2012 è stato nominato Ministro delle Finanze e Ministro incaricato dei rapporti con il Parlamento (Leader of Government Business) e ha mantenuto tali funzioni nel corso della legislatura 2012-2017. Rieletto deputato di Tari-Pori per il CNP alle elezioni legislative del 2017, è stato riconfermato a queste due cariche ministeriali. Si è dimesso dal governo nell'aprile 2019, opponendosi al contratto che il governo ha firmato con la società francese Total per lo sfruttamento delle riserve di gas naturale del Paese; ritiene che il governo dovrebbe sostenere una maggiore partecipazione della popolazione locale a questo settore e alle sue ricadute economiche. Alla fine di aprile ha lasciato il CNP ed è diventato membro del Pangu Pati, un partito di opposizione, i cui membri lo hanno poi scelto come leader del partito.

Primo Ministro

Sotto pressione dopo le defezioni di ministri e deputati, Peter O'Neill ha annunciato le sue dimissioni il 29 maggio. L'opposizione, ora maggioranza in Parlamento grazie a queste defezioni, scelse James Marape come suo candidato alla guida del governo, che fu eletto Primo Ministro il 30 maggio, con i voti di centouno deputati contro otto di Sir Mekere Morauta. Lo stesso giorno ha prestato giuramento dal governatore generale Sir Bob Dadae ed è entrato in carica. Il 13 novembre 2020 ha perso la maggioranza parlamentare. Sam Basil, che all'inizio di ottobre ha nominato Vice Primo Ministro al posto di Davis Steven, si unisce ai banchi dell'opposizione parlamentare, accompagnato da Patrick Pruaitch (Ministro degli Affari Esteri), Davis Steven (Procuratore Generale), Sir Puka Temu ( Ministro della Salute), Lekwa Gure (Ministro del Lavoro) e Wesley Nukundj (Ministro dell'Immigrazione), oltre a un certo numero di backbencher. Accusano James Marape di governare attraverso slogan vuoti piuttosto che agire efficacemente per lo sviluppo economico, contro la corruzione e contro la violenza intertribale nelle regioni remote del Paese. Il 17 novembre, tre di questi deputati sono tornati al campo del governo e, mentre l'opposizione ha boicottato la sessione parlamentare, i deputati del governo hanno adottato il bilancio e poi hanno sospeso il Parlamento fino ad aprile, impedendo così all'opposizione di d