inno nazionale

Article

August 10, 2022

Un inno nazionale è una composizione musicale destinata a rappresentare una nazione nel protocollo internazionale. Altre allegorie come la bandiera nazionale, lo stemma nazionale o il motto nazionale possono contribuire a questa rappresentazione simbolica. La scelta di questa composizione musicale può in particolare derivare dalla tradizione, dall'uso o da una decisione del potere legislativo o esecutivo.

Storia

L'uso degli inni nazionali è legato all'emergere della nozione di stato-nazione e alle esigenze del protocollo internazionale. Gli stati nazionali sono apparsi in Europa nel XIX secolo. Fu in questo momento che nacquero gli inni nazionali. Negli incontri tra i governi, i capi di stato oi ministri non rappresentavano più la propria persona ma una nazione. Mentre in passato principi e re erano accompagnati dal fasto e dal protocollo legati alla loro persona, i simboli - inno, bandiera - cambiavano significato non appena i governanti diventavano per la prima volta i rappresentanti di una nazione, d' un popolo o di un paese. A partire dal Novecento, numerosi incontri tra paesi - diplomatici, artistici, sportivi - hanno sempre più richiesto l'uso formale di rappresentazioni simboliche delle nazioni, prime fra tutte gli inni nazionali e le bandiere. L'inno nazionale, utilizzato in eventi internazionali, può competere con altre musiche per scopi nazionali. Ad esempio, le varie armi di un paese possono essere dotate di propri inni; localmente si possono utilizzare musiche diverse a seconda delle circostanze (saluto al Capo dello Stato, commemorazione dei defunti, alzata d'armi di un determinato reggimento, manifestazioni sportive, inaugurazioni, ecc.)

Origine degli inni nazionali

Gli inni nazionali attualmente in vigore possono essere canti tradizionali scelti come inno nazionale: I testi dell'inno giapponese - Kimi ga yo - risalgono all'era Kamakura (XII - XIV secolo). Tuttavia, la musica non è stata allegata fino al 1880 e non è stata eretta come inno nazionale dalla Dieta del Giappone fino al 1999. Queste potrebbero essere composizioni musicali più antiche che celebrano un principe e che hanno più recentemente aderito al rango di inno nazionale: In Europa, l'inno cantato più antico è Wilhelmus van Nassouwe, celebrazione di un principe (Guglielmo I di Orange-Nassau), attestato tra il 1568 e il 1572. L'adozione come inno nazionale dei Paesi Bassi risale al 1932. La Marcha Real (la Reale marzo) è una musica associata ai sovrani spagnoli dal 1770. È, sempre senza parole, l'inno nazionale spagnolo. Nessuno dei tentativi di mettere le parole in esso finora ha avuto successo. L'inno nazionale può essere una composizione che si è imposta per consuetudine o per decisione del governo nel protocollo internazionale senza essere la canzone popolare patriottica: In Gran Bretagna, diverse musiche esaltano la nazione e vengono cantate in concerti patriottici: Rule, Britannia! (1740), Terra di Speranza e Gloria (1902), Gerusalemme (1917). La Gran Bretagna non ha ufficialmente un inno nazionale. Re Giorgio V disse che preferiva Gerusalemme a Dio salvi il re. The God Save the Queen (King) (1744) è l'inno nazionale de facto del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, imposto dall'uso internazionale, ma a volte è ritenuto inglese e non come hanno anche gli Stati Uniti d'America molte composizioni patriottiche. I più noti sono gli inni delle formazioni militari, come The Halls of Montezuma, marcia del Corpo dei Marines degli Stati Uniti su musica di Offenbach (1879), Anchors Aweigh!, inno della Marina degli Stati Uniti (1906), ma anche America, the Beautiful ( 1910), L'Inno di Battaglia della Repubblica (1862) e il suo famoso Gloria, gloria, Alleluia!, il famoso