Finlandia

Article

August 15, 2022

La Finlandia (in finlandese: Suomi; in svedese: Finlandia), in forma lunga la Repubblica di Finlandia (in finlandese: Suomen tasavalta; in svedese: Republiken Finland), è un paese del Nord Europa, membro dell'Unione Europea dal 1995. La Finlandia è bagnata dal Mar Baltico, più precisamente dal Golfo di Finlandia a sud e dal Golfo di Botnia a ovest e sud-ovest. Il suo territorio si estende su entrambi i lati del Circolo Polare Artico nella parte orientale della Fennoscandia, il che lo rende un paese nordico interamente al di fuori della Scandinavia. Composto da più di 3.000 laghi e innumerevoli isole, comprese quelle dell'arcipelago autonomo delle Åland, occupa una superficie totale di 338.145 km2 tra la Norvegia a nord, la Russia a est e la Svezia a nord-nord-ovest, rendendo è uno dei più grandi paesi dell'Unione Europea. Questo spazio geografico soggetto a un clima rigido durante l'inverno è principalmente una zona della taiga. I 5,5 milioni di abitanti individuati dalla demografia nazionale conferiscono al Paese una delle densità di popolazione più basse dell'intera Unione Europea. Situato principalmente nel sud del Paese, in particolare sulla costa meridionale, dove si trova la capitale, Helsinki, ma anche gli altri comuni più popolosi, ovvero Espoo e Vantaa, che sono raggruppati all'interno della Capital Region o Greater Helsinki, finlandesi hanno due lingue ufficiali, finlandese e svedese. Dopo l'area urbana di Helsinki, la seconda città più grande della Finlandia è Tampere, situata a circa 180 chilometri a nord di Helsinki. Arricchita dagli apporti ancestrali di una fertile mitologia, dai Sami, o dalle popolazioni indigene della provincia settentrionale della Lapponia, e sebbene si sia chiaramente occidentalizzata nella seconda metà del XX secolo a seguito di una felice riconversione della sua economia (incentrata su forestale, poi metallurgia, ed infine elettronica), la cultura nazionale favorisce ancora una certa spoliazione materica, di cui il sisu e la sauna sono simboli sicuri, oltre che una cultura del silenzio. Le radici culturali, linguistiche e genetiche della Finlandia, nonché il suo patrimonio come paese di origine ugro-finnica influenzato dalla cultura germanica scandinava, sono condivise con l'Estonia, il vicino meridionale della Finlandia. Per lungo tempo sotto il dominio del vicino svedese, sotto il cui regno fu fondata la prima capitale, Turku, la Finlandia resta segnata dai numerosi conflitti che l'hanno contrapposta nel corso della sua storia recente alla Russia, potenza imperialista di cui è diventata un grande ducato autonomo nel 1809, e dal quale ottenne l'indipendenza solo nel 1917. L'anno successivo, una guerra civile insanguinò il paese, seguita da due guerre contro l'URSS durante la seconda guerra mondiale, e infine, di un lunga e indiretta tutela sovietica durante la Guerra Fredda, nota come "finlandizzazione". In ogni guerra, l'esercito della Repubblica di Finlandia era guidato da Carl Gustaf Emil Mannerheim, maresciallo di Finlandia. Questi sconvolgimenti non hanno però impedito l'instaurazione di una repubblica stabile le cui conquiste sono spesso presentate come modelli, e questo in molti campi, tra cui l'ambiente e la qualità della vita. La politica nazionale ruota attorno a un presidente della Repubblica, Sauli Niinistö, a un parlamento unicamerale, l'Eduskunta, e a un governo guidato dal primo ministro, l'attuale Sanna Marin. Il Granducato di Finlandia, allora parte dell'Impero russo, è stato il primo stato in Europa a concedere il diritto di voto alle donne e il primo al mondo a renderle eleggibili sulla stessa base degli uomini. Nel 2009, lo studio Legatum Prosperity ha classificato la Finlandia al primo posto per le sue prestazioni economiche e