Fantasia

Article

August 10, 2022

Il fantasy [fɑ̃tazi], o fantasy [fɑ̃tazi] (termine derivato dall'inglese fantasy [ˈfæntəsi] litt. "Imagination") è un genere artistico che rappresenta fenomeni soprannaturali immaginari, spesso associati al mito e spesso rappresentati dall'intervento o dalla uso della magia. La fantasia non va confusa con la fantasia musicale, né con la parola tedesca Phantasie [fantaˈziː] che designa la fantasia psicologica. Nella fantasia, come nel meraviglioso, il soprannaturale è generalmente accettato o addirittura sfruttato per definire le regole di un mondo fantastico, e non suscita necessariamente dubbi o paure. Questa posizione distingue la fantasia dal fantastico dove il soprannaturale si intromette nelle regole del mondo consueto, dalla fantascienza che immagina il progresso scientifico o tecnico, e dall'orrore dove l'irrazionale suscita paura e angoscia. Genere letterario in origine, il fantasy si interseca con le letterature immaginarie e riguarda anche le altre arti.

Definizione

La Gazzetta Ufficiale della Repubblica Francese del 23 dicembre 2007 ha adottato il termine "fantasia" definendolo come segue: "genere situato al crocevia del meraviglioso e del fantastico, che ha le sue fonti nella storia, nei miti, nelle fiabe e nella scienza fantascienza”. Da parte sua, il Grande dizionario terminologico dell'Office québécois de la langue française ha proposto nel 2003 il termine "meraviglioso". In pratica, la parola inglese rimane la più usata, accanto a termini francesi che coprono campi vicini ma non identici, in particolare il meraviglioso. Nella sua accezione attuale, il termine "fantasia" sarebbe apparso per la prima volta negli Stati Uniti con la rivista The Magazine of Fantasy nel 1949. Impiegato dapprima in campo letterario, si estese successivamente alle arti pittoriche, al cinema, ai giochi ( giochi di ruolo e videogiochi in particolare) e la musica. Per lo scrittore ed editore André-François Ruaud, il fantasy può essere considerato un sottogenere del fantasy: "La fantasia è la letteratura fantastica che incorpora nella sua narrativa un elemento dell'irrazionale che non è trattato solo in modo orribile, ha generalmente un aspetto mitico ed è spesso incarnato dall'irruzione o dall'uso della magia. " - André-François Ruaud, Cartografia del meraviglioso. Viceversa [non chiaro], Marie-Cécile Guernier parte dalla definizione del dizionario storico di Robert: “la parola fantasy si riferisce all'antico vocabolo francese fantasy regraphie fantaisie intorno al 1450. Dal greco phantasia,“apparition”,“ image qui è offerto alla mente ”,“immaginazione”, poi dal latino phantasia o fantasia,“immagine, concetto”[…]. Va anche confrontato con le parole derivate dagli etimo: phantasm […], phantasmagoria, fantastico”; poi di due definizioni di specialisti del genere tra cui quella di André-François Ruaud: "Una letteratura che è dotata di una dimensione mitica e che incorpora nella sua narrazione un elemento di irrazionale al trattamento non puramente orribile, incarnato in particolare dall' uso della magia' per sottolineare l'insufficienza dei criteri posti per definire la fantasia, che e' piuttosto un revival della letteratura immaginativa, tra meraviglioso e fantastico, di cui si possono individuare tappe e tappe. necessario]. Secondo la ricercatrice Anne Besson, che attinge alla tradizione letteraria francese distinguendo tra meraviglioso e fantastico, il fantasy è un'incarnazione moderna e un'estensione del genere letterario del meraviglioso e non è in alcun modo un sottogenere del fantastico. Quest'ultima, infatti, è definita come l'intrusione del soprannaturale in un quadro realistico, vale a dire la comparsa di fatti inspiegabili e teoricamente inesplicabili in un contesto noto di