Estonia

Article

June 25, 2022

L'Estonia, in forma allungata Repubblica di Estonia (in estone: Eesti e Eesti Vabariik), è un paese dell'Europa settentrionale. Condivide i suoi confini con la Russia sul fianco orientale e con la Lettonia a sud. Il Mar Baltico si apre a ovest, mentre il Golfo di Finlandia, dove si trova la capitale Tallinn, forma un confine naturale a nord con la Finlandia. La posizione geografica dell'Estonia e la sua storia recente simile a quella dei suoi vicini meridionali (Lettonia e Lituania) porta molti osservatori a percepire l'Estonia come parte dell'insieme geopolitico noto come Stati baltici. Tuttavia, l'Estonia ha una cultura oltre a radici linguistiche, genetiche e uno status (terra di origine protestante ugro-finnica germanica) simile alla Finlandia, spesso considerata la "sorella maggiore" dell'Estonia. In particolare troviamo la sauna, oltre che una cultura del silenzio e un particolare attaccamento degli estoni per la natura, che porta l'Estonia a considerarsi e talvolta ad essere percepita come un paese nordico. Inizialmente popolata da tribù indigene di origine fennica per diverse migliaia di anni, l'Estonia fu conquistata e poi convertita al cristianesimo dai cavalieri tedeschi nel XII secolo. Per quasi 700 anni, l'Estonia ha vissuto sotto il controllo e l'influenza delle popolazioni germaniche (della Germania settentrionale e dei paesi scandinavi), che hanno avuto un effetto duraturo sulla cultura e sullo stile di vita dei suoi abitanti. La lotta permanente delle potenze vicine (Polonia-Lituania, Svezia, Danimarca, Impero russo ...) per il controllo di questa posizione strategica nel corso della storia innesca in risposta un desiderio di affermazione da parte degli indigeni di partire dal XIX secolo. Quest'ultima, per secoli dominata e ridotta in servitù (anche in schiavitù), approfittò delle lotte di influenza tra gli ex padroni tedeschi e la Russia imperiale, che controllava il territorio dal 1710 per affermarsi culturalmente (il "risveglio nazionale"), poi politicamente per tutto il XIX secolo. Gli estoni usano i disordini causati dalla rivoluzione russa del 1917 per diventare un paese indipendente dal 1918. Durante la seconda guerra mondiale (1939-1945) l'Estonia fu ripetutamente contesa e occupata dall'Unione Sovietica e dalla Germania. L'Estonia indipendente fu infine occupata dall'Unione Sovietica nel giugno 1940, in conformità con il patto tedesco-sovietico dell'agosto 1939. Dopo la perdita della sua indipendenza di fatto, i rappresentanti diplomatici e il governo in esilio conservarono de jure la continuità. Estonia. Nel 1987, la pacifica rivoluzione canora contro l'occupazione sovietica portò al ripristino dell'indipendenza di fatto il 20 agosto 1991. Oggi l'Estonia è uno stato sovrano sotto forma di repubblica parlamentare democratica unitaria divisa in quindici contee. La sua capitale politica, economica e più grande è Tallinn, mentre la sua seconda città Tartu è considerata la culla della cultura estone e la capitale intellettuale del paese, soprattutto per la sua università. Con una popolazione di 1,2 milioni di abitanti, è uno dei membri meno popolati dell'Unione Europea dal 1 maggio 2004 e della NATO dal marzo 2004. Anche l'Estonia è membro della zona euro, ONU, Organizzazione mondiale del commercio (OMC), del Consiglio d'Europa, dell'area Schengen, dell'OCSE e del Consiglio degli Stati del Mar Baltico, ed è osservatore presso il Consiglio nordico, l'Organizzazione internazionale della Francofonia e l'OCSE. Dal 2020, l'Estonia è membro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. L'Estonia è un paese sviluppato con una delle economie in più rapida crescita nell'UE. Il paese è al trentesimo posto