Spagna

Article

June 27, 2022

La Spagna, in forma lunga Regno di Spagna (rispettivamente in spagnolo: España e Reino de España), è uno stato sovrano transcontinentale dell'Europa meridionale - e, secondo le definizioni, dell'Europa occidentale - che occupa gran parte della penisola iberica. Nel 2019 è stato il ventottesimo Paese più popoloso al mondo, con 47 milioni di abitanti. La Spagna confina a nord-est con i Pirenei, che formano un confine naturale con la Francia e l'Andorra; a est e sud-est dal Mar Mediterraneo, a sud-sud-ovest dal territorio britannico di Gibilterra e dall'omonimo Stretto, quest'ultimo che separa il continente europeo dall'Africa. Il Portogallo confina con la Spagna a ovest mentre l'Oceano Atlantico confina con il paese a ovest-nordovest; infine, il Golfo di Biscaglia bagna la costa settentrionale. Il territorio spagnolo comprende anche le Isole Baleari nel Mediterraneo, le Isole Canarie nell'Oceano Atlantico al largo della costa africana e due città autonome in Nord Africa, Ceuta e Melilla, al confine con il Marocco. Con una superficie di 504.030 km2, la Spagna è il paese più esteso dell'Europa occidentale e dell'Unione europea dopo la Francia nonché il terzo in Europa dietro l'Ucraina e la Francia se si esclude la parte europea (secondo le definizioni) della Russia. Per la sua posizione, il territorio spagnolo è stato oggetto di molte influenze esterne, spesso contemporaneamente, dalla preistoria fino alla nascita della Spagna come paese. Al contrario, il paese stesso è stato un'importante fonte di ispirazione per altre regioni, principalmente durante l'era moderna, quando è diventato un impero coloniale che ha lasciato un'eredità di quasi 500 milioni di persone di lingua spagnola in questo giorno. La Spagna come paese sorse dall'unione dinastica nel XV secolo di due stati sovrani, le Corone di Castiglia e Aragona - esse stesse costruite durante il Medioevo dall'unione o dalla conquista di entità politiche, culturali e linguistiche inizialmente distinte, che si trovano nelle molteplici nazionalità storiche riconosciute dall'attuale Costituzione dello Stato spagnolo - e dell'assorbimento nel 1492 del Regno di Granada e nel 1512 della parte iberica del Regno di Navarra. Questa unità diventa uno stato unitario nel 1715-1716 con lo scioglimento delle due Corone in applicazione dei decreti di Nueva Planta. La monarchia cattolica spagnola, che allora aveva un enorme impero coloniale, fu, dal XV secolo all'inizio del XVII secolo, una grande potenza politica ed economica. In particolare, ha goduto di una significativa influenza culturale in tutta Europa durante il Secolo d'Oro spagnolo (XVI-XVII secolo). L'influenza spagnola declinò in seguito, in particolare per tutto il XIX secolo e l'inizio del XX secolo con la perdita delle sue colonie, l'ascesa del nazionalismo e il moltiplicarsi delle crisi politiche, economiche e sociali che culminarono con la guerra civile del 1936-1939 seguita da un lungo periodo di dittatura franchista, conservatrice, militarista e cattolica nazionale dal 1939 al 1975. In seguito alla transizione democratica aperta con la morte di Francisco Franco nel 1975 e del movimento culturale che l'ha accompagnata, la Movida, la Spagna è diventata una monarchia costituzionale con un regime democratico parlamentare. È un paese sviluppato con la quattordicesima economia mondiale per PIL nominale (sedicesimo a parità di potere d'acquisto), e un tenore di vita “altissimo” (23° nella classifica HDI nel 2012). È membro delle Nazioni Unite, dell'Unione Europea, dell'Unione Latina, della NATO, dell'OCSE e dell'OMC. Nel 2013, il 21,6% della popolazione spagnola viveva in povertà.

Storia

Iberi e Celtiberi a contatto con le civiltà