Coluche

Article

May 24, 2022

Michel Colucci, noto come Coluche, è un umorista e attore francese, nato il 28 ottobre 1944 nel 14° arrondissement di Parigi e morto il 19 giugno 1986 a Opio (Alpes-Maritimes). Figlio di un immigrato italiano e di una francese, Michel Colucci è cresciuto a Montrouge. Ha adottato lo pseudonimo di "Coluche" all'età di 26 anni, proprio all'inizio della sua carriera. Rivendicando la sua maleducazione ma, secondo lui, "senza mai cadere nella volgarità", Coluche diede molto presto uno stile nuovo e sarcastico al music hall con la sua libertà di espressione, in particolare deridendo i tabù e i valori morali e politici della società contemporanea. Nel 1975 è diventato famoso parodiando un quiz televisivo: Le Schmilblick. Prima del 1976, ha occupato ruoli secondari nel cinema prima di interpretare personaggi più centrali, come in The Wing or the Thigh, per poi tenere la parte superiore del manifesto negli anni '80, principalmente per le commedie. Nel 1977 è passato alla regia co-dirigendo You will not Alsace and Lorraine con Marc Monnet. Nel 1984 ha vinto un César come miglior attore per il suo ruolo drammatico in Tchao Pantin di Claude Berri. Alternativamente provocatorio o agitatore per le sue posizioni sociali, annunciò la sua candidatura alle elezioni presidenziali del 1981 prima di ritirarsi, in seguito a pressioni e minacce. Godendo di enorme popolarità e molto apprezzato dal pubblico, nel 1985 ha fondato l'associazione Les Restos du cœur, una staffetta per aiutare i più poveri, pochi mesi prima di morire in un incidente in moto.

Biografia

Gioventù

Montrouge

Michel Colucci è nato il 28 ottobre 1944, all'ospedale di maternità Notre-Dame de Bon Secours nel 14° arrondissement di Parigi. Sua madre, Simone Bouyer detta Monette (1920-1994), era impiegata dal fiorista Baumann, boulevard du Montparnasse. Suo padre, Honorio Colucci, nato a Casalvieri (Lazio) in Italia, è un imbianchino. Quest'ultimo, nato il 29 novembre 1916, morì il 31 ottobre 1947, all'età di 30 anni, di poliomielite e sua moglie dovette allevare da sola i suoi due figli. Abbandonati dai suoceri (con la notevole eccezione di Maria, la madre di Honorio che ancora viene a trovarli), convivono Monette, Michel e Danièle, futura moglie di René Metge, che ha un anno e mezzo più grande del fratello. in una stanza e una cucina. Sebbene rinunci al suo lavoro di fiorista per crescere i suoi figli, Monette trova alcuni lavoretti che a volte deve combinare per ottenere una miseria. Soffrendo di una grave scoliosi, deve sottoporsi a cure a Berck un'estate quando porta con sé i suoi figli. Nonostante tutte queste difficoltà, rimane fiduciosa per il futuro e abbraccia lo stile di vita delle classi sociali più abbienti, assicurandosi che i suoi figli siano "ben vestiti" (correttamente vestiti). Michel non apprezza questo divario tra la realtà e le aspirazioni di sua madre e, a proposito dei suoi vestiti, che contrastano con quelli degli altri bambini del vicinato, la rimprovererà di vestirla da bambina. Lontano dai sogni materni, Michel sceglie Montrouge (periferia sud di Parigi) dove frequenta i suoi amici. Non è appassionato di compiti scolastici e fa ridere i suoi compagni di classe, tenendo testa all'insegnante. La sua carriera scolastica si ferma al Certificato di Studi Primari, raccontando di averlo bocciato volontariamente nel giugno 1958, per aver commesso un solo errore nel dettato al mattino e quindi essersi, secondo lui, dimostrato di non essere utile a tornarci nel pomeriggio, cosa che sua madre negò nel 1987: "Contrariamente a quanto si dice, aveva il certificato di studi", specificando che, prima dell'esame, gli aveva dato di ripetere lo stesso dettato dieci volte e che è il testo su cui si era esercitato che cadeva il giorno dell'esame. Quando non è a scuola, esce con i suoi amici della "Gang di Solo".